rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Cronaca

Sanità: in pensione il direttore del dipartimento di Medicina generale Alessandro Dini

Il saluto della direzione e dei colleghi della Azienda Usl Toscana nord ovest per il medico della Valle del Serchio

Con la fine del mese di gennaio 2023 è andato in pensione Alessandro Dini, negli ultimi due anni direttore del dipartimento della Medicina generale dell’Azienda Usl Toscana nord ovest. La direzione aziendale ringrazia il dottor Dini per l’impegno professionale profuso in questi due anni come trait d’union tra l’Azienda e la Medicina generale, mettendo a frutto anche la sua lunga e apprezzata esperienza come medico di famiglia nella zona Valle del Serchio.

Il dipartimento da lui diretto fino al 31 gennaio scorso affianca la direzione aziendale nella definizione degli obiettivi strategici e partecipa alla programmazione aziendale e alla definizione dei percorsi inerenti la gestione della cronicità e la continuità assistenziale ospedale-territorio. Un compito certamente non semplice, visto che il territorio aziendale mette insieme realtà molto diverse, che presentano ancora difformità nell’erogazione delle prestazioni, e considerando le difficoltà crescenti nel reperire nuovi professionisti per garantire questi servizi.

"Dini - scrive la Ausl nella nota - ha svolto questo ruolo con competenza e passione, mantenendo un rapporto diretto con i coordinatori di AFT (Aggregazioni funzionali territoriali) e, tramite loro, con i medici di famiglia dei cinque ambiti territoriali. La sua presenza a capo di questo dipartimento negli ultimi due anni ha quindi permesso di mantenere uno stretto collegamento tra medici di famiglia e l’organizzazione aziendale. Al dottor Dini, che ha sempre dimostrato indiscutibili qualità umane e professionali, vanno un sincero ringraziamento e un affettuoso saluto da parte della direzione aziendale e di tutti i colleghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità: in pensione il direttore del dipartimento di Medicina generale Alessandro Dini

PisaToday è in caricamento