Università: con la 'Petroteca Dancala' torna alla vita la storia dell'esplorazione geologica

Al dipartimento di Scienze della Terra si inaugura la collezione che unisce rocce e sezioni sottili raccolte nella Regione degli Afar in Etipia durante la spedizione italo-francese degli anni '60 e '70

Il dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Pisa dedica dei seminari e un'esposizione alle esplorazioni geologiche nella Regione degli Afar, nell'Etiopia nord-orientale, un vero laboratorio naturale per l'analisi dei processi di estensione e rottura dei continenti. Nota anche come Dancalia, questa regione è stata studiata, dal 1967 al 1974, da una celebre spedizione italo-francese guidata da Giorgio Marinelli, dell'Università di Pisa, e da Haroun Tazieff, del Centre National de la Recherche Scientifique.

L'iniziativa apre oggi, venerdì 7 luglio, nell'Aula C del dipartimento dai seminari tenuti dal dottor Giacomo Corti, dell'Istituto di Geoscienze e Georisorse del CNR di Firenze, e dalla professoressa Carolina Pagli, del dipartimento pisano di Scienze della Terra; nel pomeriggio, dai professori Franco Barberi, già docente di Vulcanologia dello stesso dipartimento, ed Enrico Bonatti, dell'Istituto di Scienze marine del CNR di Bologna.

Sabato 8 luglio, alle ore 10,30, nella stessa sede del dipartimento, si terrà l'inaugurazione della Petroteca Dancala, alla presenza del rettore Paolo Mancarella, del direttore del dipartimento Sergio Rocchi, e dei geologi che parteciparono alle spedizioni degli anni '60 e '70 del secolo scorso, Franco Barberi, Jacques Varet e Roberto Santacroce. Insieme a loro, interverranno gli studiosi Mauro Rosi, Franco Maranzana, Luca Lupi e Carolina Pagli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Petroteca Dancala è una collezione di oltre 2mila campioni di roccia e oltre 9mila sezioni sottili raccolte in Afar dai membri della collaborazione italo-francese. Conservato finora in condizioni precarie, tale patrimonio scientifico torna ora a essere visibile per iniziativa del dipartimento di Scienze della Terra e grazie al contributo della società Stratex, una multinazionale che si occupa di ricerca aurifera nell’area africana. Tutti i campioni, georeferenziati e rintracciabili, sono a disposizione della comunità scientifica internazionale per ricerche in collaborazione con l’Università di Pisa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e sovraffollamento, nuova ordinanza: positivi inviati in albergo

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Scuola, nuovo incontro per la ripartenza: si va verso il prolungamento della didattica a distanza

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più e zero decessi nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più: a Pisa giornata da zero nuovi contagi

  • Coronavirus in Toscana: 19 nuovi casi, ultimo paziente in terapia intensiva

Torna su
PisaToday è in caricamento