Piano anti-movida, residenti via Santa Maria: "Siamo d'accordo con il Prefetto e aspettiamo risultati"

Il Comitato residenti del quartiere ha espresso piena adesione al piano interforze destinato ai controlli notturni per la salvaguardia del patrimonio artistico, del decoro e la vivibilità in Piazza dei Cavalieri e Piazza delle Vettovaglie

L'altro giorno, il Comitato residenti del quartiere Santa Maria ha partecipato alla fase finale della riunione del Comitato sull'ordine e la sicurezza pubblica, convocata da prefetto Tagliente per affrontare il problema della movida pisana. Nel corso dell'incontro come primo provvedimento è stato deciso un aumento della vigilanza di Polizia, Carabinieri e Vigili urbani nel pattugliamento dei tre principali ritrovi interessati dalla movida, come piazza della stazione che sarà vigilata dalla Polizia, piazza delle Vettovaglie dai Carabinieri e piazza dei Cavalieri dalla Polizia municipale.

I residenti del quartiere hanno espresso la piena adesione al piano interforze destinato ai controlli notturni per la salvaguardia e l'ncolumità del patrimonio artistico, al decoro e alla vivibilità, in particolare su Piazza dei Cavalieri Piazza delle Vettovaglie, dove da tempo si registrano fenomeni di abuso a causa dei comportamenti violenti del popolo della notte

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'intervento - fanno sapere dal Comitato -  va finalmente nella direzione, più volte sollecitata, di adottare provvedimenti urgenti ed efficaci di contrasto ad una situazione di illegalità diventata insostenibile per gli abitanti della zona e per i cittadini in genere. Attendiamo ora i risultati".  Il Comitato ha anche sollecitato gli atenei pisani a svolgere, con strutture interne, un ruolo di analisi e di ricerca del fenomeno soprattutto in piazza dei Cavalieri, allo scopo di favorire la comprensione di chi sono i reali protagonisti della movida e quali sono le loro motivazioni, per poter raggiungere un patto di civile convivenza sull'uso della piazza e su altre localizzazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, approvato il decreto scuola: ecco cosa cambia

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Lutto nella sezione Aia di Pisa: muore a 41 anni Gennaro D'Archi

  • In Toscana scatta l'obbligo delle mascherine: chi deve indossarle e in quali occasioni

  • Auto fuori strada lungo l'Arnaccio: muore 25enne

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

Torna su
PisaToday è in caricamento