Università, approvato il piano del 'Cug': al via iniziative per la parità di genere

Previsto il programma di attività del trienno 2018-2020 per promuovere la cultura di genere, incentivare il contrasto alle discriminazioni e rafforzare il benessere organizzativo

E' stato approvato dagli Organi di Ateneo il Piano di azioni positive 2018-2020 proposto dal CUG, il Comitato Unico di Garanzia dell'Università di Pisa. Si tratta di un piano che prevede azioni per il contrasto alle discriminazioni e della promozione della cultura di genere e sul benessere organizzativo Molteplici le iniziative previste per il prossimo triennio: per incentivare la 'genderizzazione' nella didattica e nella ricerca è prevista l'attivazione di un insegnamento di 'Studi di genere', aperto agli studenti di tutti i corsi di laurea e da riconoscere come crediti liberi. Allo stesso tempo saranno istituiti premi di laurea per tesi, anche dottorali, sui temi gender, che dovranno trovare sempre più spazio nei contenuti della ricerca.

Sul piano del benessere organizzativo il piano dedica un importante paragrafo alla la materia dello 'smart working', sottolineando l'esigenza di sperimentare nuove modalità spazio-temporali di svolgimento della prestazione lavorativa. Inoltre è prevista l'istituzione di un Tavolo tecnico che, riunendo delegato alla sicurezza, RSPP, Nucleo di valutazione, CUG, Ufficio formazione e welfare e medico competente, affronterà in maniera coordinata tutta la materia del benessere organizzativo e dell'impatto che su di esso può esercitare lo stress lavoro-correlato, al fine di progettare in maniera unitaria sia la rilevazione dei disagi e dei bisogni, sia le attività di formazione sul tema.

"La grande forza di questo piano triennale è la sua capacità di rivolgersi a tutta la comunità di Ateneo - commenta la professoressa Nicoletta De Francesco, prorettrice vicaria con delega alle pari opportunità - è uno strumento che propone azioni e misure che si rivolgono al personale tecnico-amministrativo, ai docenti, agli studenti e a tutto il personale precario che a vario titolo vive e opera all'interno dell'università. Non è scontato perché non tutti i piani hanno questo respiro, così come, ad esempio, non in tutte le università la popolazione studentesca trova nel CUG una rappresentanza".

L'approvazione del Piano di azioni positive arriva in concomitanza della pubblicazione del bando di selezione per la figura del consigliere di fiducia dell'Ateneo recentemente istituita dall'Università di Pisa, su proposta del CUG: nella linea del contrasto alle discriminazioni, il consigliere sarà chiamato a prestare assistenza e ascolto a tutela di chi, all'interno della comunità universitaria, si ritenga vittima di una condotta discriminatoria o comunque lesiva delle norme contenute nel codice etico relative a condotte quali molestie sessuali, abuso di potere, favoritismi, e discriminazioni che attraverso il genere intersecano molteplici altri fattori, dall'età, alla posizione accademica, all'orientamento sessuale. Il bando è rivolto a persone terze rispetto all'Università e dotate di particolari requisiti personali e professionali.

"Sul piano del contrasto alle discriminazioni e della promozione della cultura di genere - conclude Elettra Stradella, ricercatrice del dipartimento di Giurisprudenza e presidente del CUG - continueremo a lavorare per l'incremento della presenza femminile a tutti i livelli della carriera universitaria, con particolare riferimento alla docenza, alle funzioni dirigenziali del personale tecnico-amministrativo, alla composizione degli organi di Ateneo e all'assunzione di incarichi direttivi all'interno dello stesso. Punto di partenza sono sicuramente i dati che emergono dal progetto Trigger, un progetto europeo finanziato all'Ateneo coordinatrice Rita Biancheri che si è concluso nel dicembre 2017 e che ha creato un Data Base dedicato al monitoraggio delle carriere femminili e maschili, su sei dipartimenti 'target', ora acquisito dall'Università di Pisa e in fase di estensione a tutti i dipartimenti. Anche grazie a questo potremo adottare il bilancio di genere come strumento permanente di monitoraggio e programmazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piena dell'Arno e maltempo: la diretta della giornata

  • Passano la piena e la paura: Arno in calo LA DIRETTA

  • Arno a Pisa, il sindaco: "Piena contenuta dalle spallette"

  • Piena dell'Arno a Pisa: negozi chiusi dalle 18.30, lunedì scuole chiuse

  • Piena dell'Arno: attivata la procedura di sicurezza, lungarni chiusi

  • Piena dell'Arno, fase di picco attesa per la tarda serata: "Ci siamo mossi in anticipo, siamo pronti"

Torna su
PisaToday è in caricamento