Aeroporto, inquinamento acustico: "Presentato il piano per ridurre il rumore"

A renderlo noto l'assessore all'Ambiente Bedini. Il documento è allo studio del ministero. Ecco gli interventi previsti

Toscana Aeroporti ha presentato al ministero dell'Ambiente un piano per contenere l'inquinamento acustico provocato dal Galilei. In attesa dell'approvazione sono inoltre previsti interventi immediati per ridurre il rumore nelle aree maggiormente interessate dal problema. E' quanto emerso nel corso del Consiglio Comunale di ieri, 9 luglio, grazie ad un'interpellanza presentata dal consigliere di Diritti in Comune, Ciccio Auletta.

La redazione del piano era stata annunciata a febbraio scorso, sempre nel corso dell'assemblea cittadina, dal vicepresidente di Toscana Aeroporti, Roberto Naldi. "Il 29 marzo - ha spiegato l'assessore all'Ambiente del Comune di Pisa, Filippo Bedini - il piano è stato presentato al ministero dell’Ambiente che è competente per l’approvazione. Gli interventi di bonifica acustica proposti, insieme a quelli già effettuati negli anni scorsi, simulati nello scenario al 2022, mostrano una riduzione dell’impatto acustico nelle aree attualmente più interessate da questa problematica, con una sensibile riduzione e in alcuni casi eliminazione delle criticità".

L'assessore ha fatto quindi una sintesi del documento che prevede, per gli insediamenti abitativi in cui la situazione è più critica, "l'installazione, da parte di Toscana Aeroporti, di infissi acusticamente più performanti, per un costo complessivo 25mila euro circa. Si stima che in centro stanza a finestre chiuse i livelli di inquinamento saranno tali da rispettare ampiamente i limiti di legge previsti. Viene comunque proposta l’effettuazione di specifici monitoraggi fonometrici di conferma e l’esecuzione, nei casi in cui i limiti non siano rispettati, di mirati interventi diretti".

Il 28 maggio si è inoltre riunita la Commissione aeroportuale. "In quell’ambito - ha continuato Bedini - sono state prese alcune decisioni con la predisposizione di alcuni interventi integrativi oltre a quelli già proposti. Tra questi Enac, al fine di contenere fin da subito il rumore notturno, ha provveduto ad emanare un’ordinanza per il divieto dei voli verso nord dalle ore 22 alle ore 7, salvo situazioni relative alla sicurezza. Inoltre verrà ordinato alle compagnie aeree di dichiarare prima della partenza se verrà o meno adottata la procedura di decollo che porta l'aereo ad arrivare immediatamente ad altezze che non recano disturbo. In caso di non adozione di questa procedura il velivolo dovrà obbligatoriamente volare verso il mare, anche attendendo che la pista sia liberata".

"Infine - ha proseguito Bedini - la 46ª Brigata Aerea sta realizzando un sistema di decodifica delle tracce radar che renderà possibile il controllo a norma di legge dei decolli, consentendo così l’applicazione di eventuali sanzioni. Inoltre l'Ufficio Ambiente del Comune sta elaborando un sistema di interrogazione ed elaborazione dei dati di volo che consentirà di monitorare il numero di decolli effettuati verso il mare o la città, verificando così che non ci siano irregolarità".

Potrebbe interessarti

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Sos pancia gonfia: le cause e i rimedi naturali più efficaci

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

  • Scooter contro auto: muore 18enne

  • All'ospedale Cisanello il metabolismo si studia in una stanza

  • Morto in scooter a 18 anni: la polizia cerca un possibile testimone chiave

  • "Ero al pronto soccorso", ma non era vero: 36enne torna ai domiciliari

  • Maltempo in Toscana: in arrivo temporali e pioggia intensa

Torna su
PisaToday è in caricamento