'Riapri Pisa': ecco il piano del Comune per il rilancio dell'economia del territorio

Lo ha presentato giovedì mattina il Sindaco, Michele Conti: "Vogliamo dare un segnale di ripartenza"

Il Sindaco mentre illustra i provvedimenti

Sostegno agli affitti commerciali e ai giovani professionisti. Azzeramento per il 2020 di Tari, imposta di soggiorno e suolo pubblico. E ancora: abolizione della Ztl estiva sui lungarni, aumento dei parcheggi gratuiti e riduzione delle tariffe per quelli a pagamento; rilancio delle opere pubbliche e private. Sono le nuove misure a sostegno dell'economia del territorio annunciate questa mattina, 23 aprile, dal Sindaco di Pisa, Michele Conti. Un piano di rilancio che prende il nome di 'Riapri Pisa' e con il quale "vogliamo dare un segnale di ripartenza". 

"Siamo partiti - ha affermato Conti - valutando le risorse dell'avanzo di amministrazione che sono di 15milioni di euro. Questa cifra dovrà però servire per i provvedimenti che adotteremo e per finanziare le opere pubbliche e le mancate entrate". Il Sindaco ha quindi illustrato le misure pensate per le attività commerciali rimaste chiuse durante il lockdown e per i liberi professionisti. "Abbiamo deciso - ha spiegato Conti - di istituire un fondo di 700mila euro da destinare al pagamento degli affitti e al sostegno dei giovani professionisti. E' prevista inoltre una riduzione del 30% degli affitti per gli immobili di proprietà comunale".

A queste risorse si aggiungono 500mila euro per l'azzeramento della Tari. Verranno inoltre azzerate anche suolo pubblico e tassa di soggiorno. "Sempre per quanto riguarda il suolo pubblico - ha continuato Conti - stiamo pensando alla possibilità di aumentare la disponibilità degli spazi per i commercianti imponendo però orari molto ferrei alle attività, nel rispetto dei residenti. Valuteremo in base a quelle che saranno le disposizioni nazionali".

Novità anche per quanto riguarda la mobilità cittadina che subirà diverse modifiche con l'obiettivo di far arrivare in città più persone e stimolare così la ripresa del commercio "senza però riempire il centro storico di auto". "Aboliremo la Ztl estiva dei lungarni - ha detto il Sindaco - mentre la Ztl del centro storico, al momento non attiva, verrà probabilmente riattivata con le modalità precedenti. Istituiremo poi due parcheggi gratuiti con disco orario in piazza Santa Caterina e piazza Sant'Antonio e diventerà gratuito anche una parte del parcheggio di lungarno Guadalongo. Lavoreremo infine per ridurre le tariffe del 15% per i parcheggi di piazza Carrara e dei lungarni".

Per quanto riguarda gli investimenti in opere pubbliche le priorità dell'amministrazione sono "il sottopasso di Putignano - ha proseguito Conti - per il quale firmeremo a maggio il contratto per i lavori, e il ponte sull'Arno che collega Riglione all'ospedale di Cisanello che diventa fondamentale anche da un punto di vista sanitario. Abbiamo in mente di rivedere anche il regolamento edilizio per far ripartire i cantieri privati. Venendo al turismo abbiamo dato il via libera agli operatori del litorale per le manutenzioni ordinarie e straordinarie degli stabilimenti. Ci auguriamo che si possa ripartire quest'estate, vedremo poi di capire quali saranno le disposizioni del Governo". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conti ha quindi lanciato un appello alle fondazioni bancarie alle multinazionali del territorio. Le prime, ha affermato, "dovrebbero sostenere il territorio e le imprese, in caso contrario la ripartenza sarà difficile: ci vorrebbe meno burocrazia e più velocità". Le seconde (Conti cita ad esempio Saint Gobain e il Gruppo Forti) sono invece chiamate a uno sforzo di solidarietà "magari con piccole donazioni alle microaziende". Tra le azioni previste dal Comune anche "l'attivazione di una cabina di regia insieme a Camera di Commercio e associazioni di categoria per implementare le misure con risorse provenienti dagli enti sovraordinati". Non è mancata infine una stoccata al Governo che, secondo il Sindaco, ha agito con "molti proclami e poche cose concrete, demandando tutto agli enti locali. A Pisa - ha concluso Conti - tranne i 471mila euro per i buoni spesa, non sono arrivate altre risorse". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si diplomano e vengono assunti nell'azienda dei loro sogni

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana: 812 nuovi positivi, 108 a Pisa

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento