Cronaca

Maltempo, cresce l'Arno: la piena attesa per lunedì mattina

La situazione non desta comunque preoccupazione, anche se la Protezione civile continuerà a monitorare l'innalzamento del livello. Intenso lavoro anche per il Consorzio di bonifica

Il sindaco Conti lungo l'Arno

Le piogge di sabato e delle ultime ore hanno alzato anche il livello dei fiumi. A Pisa l’Arno è aumentato velocemente nelle ultime ore, rimanendo comunque sotto il primo livello di guardia (3,5 m) e così dovrebbe restare per tutto il pomeriggio di oggi, domenica 6 dicembre. Rimangono in vigore l’allerta meteo gialla e la previsione di altre piogge sul bacino.
Secondo i modelli del Centro Funzionale Regionale, fanno sapere dal Comune di Pisa, è previsto un ulteriore piccolo aumento nelle prossime ore, con picco stimato intorno ai 4 metri che dovrebbe arrivare in città verso le ore 10 di domattina. Insieme alla Protezione Civile, sempre operativa, l'amministrazione comunale monitora la situazione che al momento non desta particolare preoccupazione.

Consorzio di bonifica: ore impegnative

Ore d’intenso lavoro per i tecnici del Consorzio di Bonifica 4 Basso Valdarno che sono impegnati a gestire l’intensa ondata di maltempo. Un’attività iniziata già venerdì, alle ore 21, quando si sono registrati i primi problemi di assenza di corrente elettrica dovuti al vento e sono scattati quindi i controlli e le riparazioni per garantire il pieno funzionamento degli impianti. Intorno alle 2 della notte si è poi verificato un aumento del livello del Serchio, con la conseguente chiusura della cateratta per impedire una crescita eccessiva della portata nel fosso del Molino a Pisa.
"Sono state ore d’intenso lavoro all’insegna dell’efficienza, della tempestività e della competenza - dice il presidente del Consorzio 4 Basso Valdarno, Maurizio Ventavoli - e per questo ringrazio tutto il nostro personale. Abbiamo operato e stiamo lavorando su tutto il territorio di nostra competenza, anche se con maggior intensità sulla costa. L’allerta non è comunque ancora passata: occorrerà vigilare e intervenire con la massima attenzione anche nelle prossime ore".

Alle 7 di sabato mattina sono iniziate piogge di forte intensità che hanno trovato un terreno già saturo a causa delle precipitazioni precedenti e che sono andate quindi a ingrossare i corsi d’acqua. Le zone più colpite sono state quelle della costa e in particolare Stagno nel Comune di Collesalvetti, Coltano, Calambrone, Marina di Pisa e San Rossore nel Comune di Pisa e ancora Metato nel Comune di San Giuliano Terme.
Da venerdì il responsabile del servizio di piena del Consorzio 4 Basso Valdarno, insieme al personale tecnico, sta controllando il corretto funzionamento degli impianti idrovori che drenano le acque delle zone più colpite e le problematiche dei corsi d’acqua sul territorio. Le squadre, supportate dove necessario da tecnici esterni, sono intervenute, nella notte fra sabato e domenica e nella giornata di oggi su una serie di tracimazioni di corsi d’acqua, su ponticelli e guadi intasati, sulla pulizia delle griglie ferma-erba agli impianti idrovori e alla sistemazione di guasti elettrici.

Calambrone consorzio di bonifica-2

Fra gli interventi più significati si registrano quelli agli impianti di Pisa sud e Arnaccio dove il maltempo ha provocato un guasto all’impianto elettrico, rapidamente risolto in collaborazione con Enel. Nella zona di Stagno a Collesalvetti le piogge e il mancato deflusso a mare hanno fatto aumentare il livello del fosso Cateratto: sono quindi scattati alcuni interventi per il miglioramento del pompaggio da parte degli impianti Stagno e Cateratto dello stesso Consorzio.

A Coltano si è verificata una tracimazione lungo argine del fosso Caligi che ha provocato un danno all’argine, rapidamente ripristinato. Altri interventi sono stati necessari in via della Sofina a Coltano per altri allagamenti e nel comune di Collesalvetti per l’ostruzione di alcuni piccoli ponti e guadi. Agli impianti idrovori di Ragnaione, Pisa Sud, Vettola, Calambrone e Campalto, nel Comune di Pisa l’ondata di piena ha portato rami, sporcizia e vegetazione alle griglie che servono proprio per evitare l’arrivo di questi materiali fino alle pompe idrovoro: i tecnici sono quindi intervenuti per rimuoverle come previsto in modo da garantire il corretto funzionamento degli impianti.

Maltempo, prosegue la perturbazione: lunedì di allerta meteo

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo, cresce l'Arno: la piena attesa per lunedì mattina

PisaToday è in caricamento