Cronaca

Piena del Serchio, la paura è passata: nessuna difficoltà a Rigoli

L'ondata di piena era attesa per la serata di sabato: la portata d'acqua ha sfiorato i 900 metricubi al secondo. Da lunedì riprenderanno le ricerche dell'anziano disperso: la piena potrebbe aver disincagliato il corpo dal fondale

E' passata senza problemi ieri sera l'ondata di piena del Serchio e dell'affluente Ozzeri. La portata d'acqua ha sfiorato i 900 metri cubi al secondo, che erano stati previsti dagli esperti, e non ha provocato rigurgiti nella zona di Rigoli, frazione del comune di San Giuliano terme, dove nelle scorse settimane erano crollati l'argine e un ponte sotto un casello idraulico sul torrente Ozzeri in prossimità della confluenza con il Serchio.


"La situazione è già tornata alla normalità - ha assicurato dopo il passaggio della piena il sindaco di San Giuliano, Paolo Panattoni - e i lavori di somma urgenza per ripristinare le sponde dopo i danni subiti, sono immediatamente ripresi". Dalla prossima settimana ripartiranno massicciamente le ricerche coordinate di Francesco Gabbriellini, l'anziano disperso dalla sera del crollo dell'argine, e saranno impiegati uomini e mezzi a terra, ma anche un elicottero che sorvolerà l'asta del fiume. Non è escluso infatti che la piena possa aver smosso i fondali e il corpo possa in qualche modo essersi disincagliato, da dove si trovava, per essere trascinato dalla corrente verso il mare. (fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piena del Serchio, la paura è passata: nessuna difficoltà a Rigoli

PisaToday è in caricamento