Pilotare un drone con il corpo: nello studio ricercatori del Sant'Anna

La ricerca punta a sviluppare il metodo di guida che permetterà facilità d'uso e maggiore precisione, permettendo interventi anche più complessi

Foto EPFL

Comandare un drone con i movimenti del corpo: piegarsi, incurvare il busto, e il drone viaggia seguendo le indicazioni di chi lo comanda. Naturale quasi come volare. Non è fantascienza, ma poco ci manca. E' la nuova frontiera di studio presentata nel paper 'Data-driven body–machine interface for the accurate control of drones', pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America) da un gruppo di scienziati dell'École Polytechnique Fédérale de Lausanne (EPFL), di cui fanno parte anche Silvestro Micera e Fiorenzo Artoni dell'Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant'Anna.

Lo studio dimostra come una persona possa sfruttare il movimento del proprio busto per pilotare un drone e per determinare quali movimenti siano più naturali e intuitivi. "Il nostro obiettivo - commenta Jenifer Miehlbradt, principale autrice del paper e ricercatrice del Translational Neuroengineering Laboratory di EPFL gestito da Silvestro Micera - è di progettare un metodo di controllo semplice da imparare e che permetta a chi lo utilizza di concentrarsi su aspetti più importanti, come per esempio le operazioni di soccorso".  

I test effettuati su 39 persone hanno dimostrato come il controllo del drone attraverso il movimento del busto garantisca maggiore affidabilità e precisione rispetto al controllo tramite joystick. Oltre a quest'aspetto, il sistema consente di lasciare le altre parti del corpo (testa, braccia, gambe, mani, piedi) libere di eseguire altre azioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'analisi dei dati - commenta Silvestro Micera - ci ha permesso di sviluppare un approccio molto semplice e intuitivo, che potrebbe essere utile anche in altri contesti". I prossimi passi sono di rendere il sistema completamente indossabile. La gamma di applicazione è vasta, include i simulatori di volo per pilotaggio droni e forse anche gli aerei del futuro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Coronavirus in Toscana, solo 3 i nuovi casi: a Pisa zero nuovi contagi e nessun decesso

Torna su
PisaToday è in caricamento