Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca Castelfranco di Sotto

Pirogassificatore Castelfranco: i sindaci percorrono la via giudiziaria

Dopo il parere tecnico positivo dell'ufficio ambiente della Provincia di Pisa non si placano le polemiche intorno alla costruzione di un impianto che i cittadini da mesi osteggiano: a fianco a loro i sindaci del Comprensorio

La bara trasportata durante la manifestazione del 10 dicembre contro il pirogassificatore

Si passa alla via giudiziaria. La questione del pirogassificatore di Castelfranco di Sotto, dopo il parere tecnico favorevole dell'ufficio ambiente della Provincia di Pisa, continua a restare bollente. Il Comitato Antinquinamento ha annunciato il proseguimento della battaglia per impedire la realizzazione dell'impianto, ora anche i sindaci del Comprensorio del Cuoio ribadiscono la loro contrarietà e preannunciano la presentazione di ricorsi in sede giudiziaria.

I primi cittadini di Castelfranco, Santa Croce sull'Arno, Montopoli Valdarno, San Miniato e Santa Maria a Monte in una nota congiunta riaffermano "la necessità di una programmazione territoriale e il rispetto dell'autonomia decisionale dei livelli locali di governo del territorio", per questo ritengono che, dopo i pareri favorevoli all'impianto di Regione e Provincia, si aprano "scenari difficilmente governabili in futuro e di questo siamo profondamente preoccupati". "Nei prossimi giorni - concludono - presenteremo un ricorso contro l'autorizzazione, che riteniamo non tenga conto non solo degli esiti del processo partecipativo, ma anche dei problemi complessivi del governo del territorio in questa zona e dei suoi equilibri ambientali".


La via giudiziaria è condivisa dal centrosinistra pisano: il Pd del Valdarno sostiene la scelta dei sindaci, mentre Sel auspica che il presidente della Provincia e l'assessore competente facciano altrettanto ed esprime "disapprovazione per il provvedimento tecnico che di fatto esautora il livello politico-istituzionale e qualsiasi capacità di programmazione del territorio". Infine, Sel attacca il presidente regionale Enrico Rossi accusandolo di mettere in atto "una forzatura senza precedenti per la realizzazione di un impianto che, fuori da ogni programmazione provinciale, non può essere considerato come strategico". (fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pirogassificatore Castelfranco: i sindaci percorrono la via giudiziaria

PisaToday è in caricamento