Da Pisa a Ragusa in bici per festeggiare la laurea: il viaggio di Riccardo attraverso l'Italia

L'avventura di Riccardo Bertei, 25enne studente dell'Università di Pisa: un viaggio in solitario di 1300 chilometri attraverso sei regioni dello Stivale

Riccardo Bertei arrivato al Colosseo a Roma. Sotto alcuni momenti del viaggio

Da Pisa a Scicli (Ragusa) in sella alla sua bici. Un viaggio lungo 1300 chilometri da percorrere attraversando 6 regioni italiane. E' la sfida che ha deciso di intraprendere Riccardo Bertei, 25enne originario di Piazza al Serchio, in provincia di Lucca, da anni studente all'Università di Pisa. La sua avventura è cominciata venerdì scorso (5 aprile) e ieri, domenica 7 aprile, dopo tre giorni di pedalate ha raggiunto Roma.

"Le difficoltà vere e proprie devono ancora venire - afferma Bertei - visto che fino ad ora ho percorso la parte più semplice del tragitto. L'obiettivo è quello di raggiungere a casa sua la mia ragazza, anche lei studentessa a Pisa, prima di Pasqua. L'idea è quella di pedalare dalle 8/8.30 del mattino fino verso le 15 del pomeriggio percorrendo ogni giorno tra i 100 e i 150 km e cercando di mantenermi vicino alla costa in modo da poter vedere il più possibile il mare. Molto dipenderà ovviamente dalle condizioni atmosferiche che incontrerò e dagli imprevisti che si presenteranno lungo il cammino".

Un viaggio che il 25enne ha deciso di realizzare alla vigilia di un altro importante traguardo, quello della laurea. "Il prossimo mese - racconta il giovane - conseguirò la magistrale in Economia e commercio, così ho deciso di farmi un regalo anticipato e di mettermi alla prova con questa sfida. Era già da un paio di anni che ci pensavo e ho scelto questo momento perchè dopo la tesi ho intenzione di partire subito per un'esperienza di trainership in Olanda. Una volta raggiunta la mia ragazza, passerò con lei la Pasqua. Poi il giorno dopo prenderò l'aereo e tornerò a Pisa per finire di studiare e pensare agli ultimi dettagli in vista della laurea".

Lungo il tragitto il giovane si fermerà a dormire in bed and breakfast e hotel che incontrerà lungo il percorso. "L'idea iniziale - afferma ancora Bertei - era quella di portarmi dietro una tenda e passare la notte all'aria aperta. Poi però ho pensato che potesse essere pericoloso, anche considerando il fatto che sono da solo e che è la prima esperienza del genere che faccio. Non ho prenotato nè stabilito le strutture in cui alloggiare: vedrò giorno per giorno le distanze che riuscirò a coprire, valutando di volta in volta dove passare la notte. Il prossimo anno mi piacerebbe fare un tour in bicicletta di tutta la Sicilia".

"Ho iniziato a prepararmi fisicamente per questa esperienza da gennaio scorso" continua il 25enne che aggiunge: "la parte più difficile del viaggio sarà quella che attraversa la Calabria e parte della Basilicata, perchè è quella più ricca di dislivelli e con più distanze da percorrere lontano dalle zone abitate". E' possibile seguire l'avventura del giovane garfagnino sulla pagina Instagram 'pedalandoconricky'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

Torna su
PisaToday è in caricamento