rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Cronaca

Pisa tra le 33 università italiane che accoglieranno 69 studenti rifugiati

E' il progetto 'Unicore' dell'Agenzia Onu Unhcr per far proseguire gli studi ai giovani

C’è anche l’Università di Pisa tre le 33 università italiane che parteciperanno alla quarta edizione del progetto 'Unicore – University corridors for Refugees' per dare la possibilità a 69 rifugiati di proseguire il loro percorso accademico in Italia. Gli studenti saranno selezionati sulla base del merito e della motivazione, attraverso un bando pubblico che chiuderà il 29 aprile 2022 e che può essere consultato sul sito universitycorridors.unhcr.it. L’Università di Pisa accoglierà due studenti, il bando è disponibile sul sito d’Ateneo.

Il progetto offre ai rifugiati l’opportunità di arrivare in Italia in maniera regolare e sicura per proseguire gli studi, in linea con l’obiettivo dell’Unhcr, Agenzia Onu per i Rifugiati, di rafforzare i canali di ingresso regolari per rifugiati e di raggiungere un tasso del 15% di iscrizione a programmi di istruzione terziaria nei paesi di primo asilo e nei paesi terzi entro il 2030.

Il progetto Unicore è nato nel 2019 con una prima fase pilota durante la quale sei studenti sono stati accolti da due atenei, per poi espandersi con la partecipazione di 20 e 45 studenti nel 2020 e nel 2021 rispettivamente. Nella sua quarta edizione il progetto si allarga nuovamente per includere per la prima volta rifugiati residenti in Camerun, Niger e Nigeria. Nel 2020 l’Università di Pisa aveva già accolto due studenti rifugiati provenienti dall’Etiopia, Tesfalem e Mehari, che stanno frequentando con ottimi risultati il corso di laurea magistrale in Computer Science and Networking e in Exploration and applied Geophysics.

Collaborano al progetto il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Unhcr, Caritas Italiana, Diaconia Valdese e Centro Astalli, oltre ad un’ampia rete di partner locali che assicureranno il supporto necessario agli studenti durante il programma di laurea magistrale della durata di due anni e favoriranno la loro integrazione nella vita universitaria.

"Siamo felici di poter annunciare l’espansione quest’anno del progetto Unicore a rifugiati residenti in Camerun, Niger e Nigeria", ha dichiarato Chiara Cardoletti, Rappresentante Unhcr per l’Italia, la Santa Sede e San Marino. "Grazie all’impegno delle università italiane 71 studenti rifugiati erano già arrivati Italia nei primi tre anni di progetto e poter raddoppiare questo numero è davvero un risultato straordinario ed un esempio per gli altri paesi europei".

Le università partecipanti nel 2022 sono: Università di Bari, Università del Sannio di Benevento, Università di Bergamo, Università di Brescia, Università di Cagliari, Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli" di Caserta, Università di Catania, Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti - Pescara, Università di Firenze, Università degli studi dell’Aquila, Università del Salento, Lecce, Università di Messina, Università Statale di Milano, Università di Milano Bicocca, Università di Milano Bocconi, Politecnico di Milano, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Università degli Studi di Napoli L’orientale, Università di Palermo, Università degli Studi di Padova, Università di Parma, Università per stranieri di Perugia, Università di Pisa, Luiss Guido Carli Roma, Università di Roma, La Sapienza, Università di Siena, Università per Stranieri di Siena, Università di Torino, Politecnico di Torino, Università Iuav di Venezia, Università del Piemonte Orientale, Vercelli, Università di Verona, Università degli Studi della Tuscia Viterbo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa tra le 33 università italiane che accoglieranno 69 studenti rifugiati

PisaToday è in caricamento