menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Giuliano Terme, Fiab scrive al Comune: "Riqualificare la ciclabile dei Condotti per dare valore al territorio"

Il presidente di Fiab Pisa, Carlo Carminati, porta all'attenzione dell'Amministrazione termale le cattive condizioni della pista ciclabile che da Ghezzano conduce ad Asciano

Pozzanghere, fango, buche e una costante sensazione di abbandono: Fiab Pisa scrive al Comune di San Giuliano Terme per evidenziare le cattive condizioni della pista ciclabile che si snoda lungo il percorso dell'acquedotto mediceo e collega Ghezzano con Asciano. "In questi giorni ci sono arrivate alcune segnalazioni da parte di cittadini del suo comune che ci hanno informati del pietoso stato in cui versa il percorso" afferma il presidente di Fiab Pisa Carlo Carminati.

"Le lunghe piogge e la superficie terrosa hanno causato ampie e profonde pozzanghere che costringono pedoni e ciclisti a percorrere il tratto lungo la strada" continua Carminati nella lettera spedita all'Amministrazione termale. "Più volte come Fiab le abbiamo evidenziato l'importanza di questo percorso, non solo per l'alto valore culturale e monumentale (grazie al bellissimo acquedotto mediceo che lo affianca) ma anche per la sua valenza di infrastruttura ciclabile - prosegue il presidente di Fiab Pisa - i pochi chilometri che separano Asciano da Pisa consentirebbero a molti cittadini di percorrere il tragitto in bicicletta abbandonando l'uso dell'auto".

"La pista ciclabile potrebbe inoltre essere utilizzata con maggior soddisfazione anche dai molti podisti e atleti che già la frequentano, dando vita a un vero e proprio percorso salute" evidenzia Carlo Carminati. "Troviamo quindi insensato il fatto che ad oggi, per quanto a nostra conoscenza, non vi sia un valido progetto di recupero del percorso lungo i Condotti, ma esso venga lasciato nelle condizioni testimoniate da numerosi suoi cittadini che lo attraversano".

La lettera spedita alla Giunta guidata da Sergio Di Maio termina così: "Nei prossimi anni saranno finanziati molti progetti relativi alla mobilità sostenibile e diventerà sempre più centrale la progettazione su tale tema. La mobilità ciclistica non è un vezzo di pochi e agguerriti ciclisti, ma un modo di ridisegnare il nostro bellissimo territorio in chiave sostenibile, consentendo ai suoi abitanti di goderlo in tutto il suo fascino".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Riaperto il Museo della Geotermia di Larderello

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento