Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Casciana Terme

'Silvio datti foo': la maglia di Don Armando fa discutere

Il parroco di Perignano, noto per il suo impegno civile, è stato duramente criticato dal sindaco della Lega di Cascina Susanna Ceccardi e dal coordinamento provinciale di Forza Italia

Un'ironia che non è stata proprio apprezzata. Una vecchia foto circolata su Facebook ritrae Don Armando Zappolini con una maglietta che riporta la scritta 'Silvio illuminaci, DATTI FOO!!'. Il parroco di Perignano, noto per il suo impegno contro le mafie, è da sempre attivo anche su temi civili e sociali d'attualità, con iniziative dal taglio provocatorio come il presepe dello scorso dicembre, dove c'era inscenato un blitz neofascita. Un impegno ed un modo di agire che, sempre nel 2017 ma in estate, sarebbe poi stato alla base dell'azione di Forza Nuova, che nottetempo appese fuori dalla sua porta di casa lo striscione con la scritta 'Zappolini eretico'.

"Il parroco della chiesa di Santa Lucia di Perignano si è fatto ritrarre in una foto in occasione di una manifestazione, come la scampagnata di Santa Lucia, svolta come ogni anno per famiglie e bambini. Il coordinamento provinciale di Forza Italia Pisa esprime la sua ferma condanna alla condotta del sacerdote, che con le sue parole ed il suo comportamento tradisce miserevolmente il mandato ecumenico che gli è stato conferito dalla Chiesa e dai fedeli". Così riporta una nota del partito locale con leader Berlusconi, che prosegue: "E' inaccettabile ed irresponsabile, che un prete privilegi la politica, invece di pensare a fare quello che ha scelto diventando sacerdote: promuovere la pace, la fratellanza e testimoniare e diffondere la Misericordia, anche nei confronti di chi, è portatore di idee, a suo giudizio, non condivisibili".

Insiste poi Forza Italia: "L'offesa grave, gravissima, non è soltanto nei confronti del presidente Silvio Berlusconi, ma anche nei confronti di 5 milioni di cittadini italiani che hanno votato Forza Italia alle elezioni politiche del 4 marzo scorso. L'offesa è nei confronti della democrazia, dell'uguaglianza e della partecipazione, l'offesa è nei confronti della Chiesa che rappresenta. Chiediamo scuse formali ed un intervento dell'Arcidiocesi di San Miniato, nonché, da parte di 'Don' maggiore impegno anche a favore delle persone anziane, verso le famiglie italiane, verso i giovani che devono costruirsi un futuro ed un percorso di maggiore spiritualità non certo di odio e dileggio come, invece, un costante contributo alla disseminazione di odio tra i fedeli".

Ha commentato l'immagine anche il sindaco di Cascina Susanna Ceccardi, su Facebook: "Questo è il messaggio di pace e fratellanza che porta Don Armando Zappolini, Don Gallo de noartri. Dice di essere antifascista e pacifista, sempre in prima linea per profughi e rom. Un po' meno tollerante verso chi la pensa diversamente da lui e compagni. Ma la Chiesa Cattolica dopo 2018 onorati anni di Storia, si è ridotta davvero a essere rappresentata da gente come questa? Sic transit gloria mundi. #noncèpiùreligione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Silvio datti foo': la maglia di Don Armando fa discutere

PisaToday è in caricamento