Cronaca

Le polemiche dell'anno che fu: ecco i 10 temi 'caldi' tra i più discussi del 2017

Alcune vicende su casi sensibili hanno generato scontri sia fra le istituzioni che sui social network: si va dai diritti alla sicurezza, passando per viabilità e lavoro

Ne avrete sicuramente sentito parlare e, probabilmente, anche voi vi sarete accalorati con un vostro amico a parlarne. Chi pro chi contro, chi "ma i veri problemi sono altri". Fatto sta che nell'anno appena trascorso alcuni casi, che spesso erano legati a temi sensibili di carattere nazionale o personale, hanno acceso gli animi più di altri, sia nel dibattito pubblico che sui social network. Discussioni in quest'ultimo caso sfociate anche in duri litigi, perfino insulti. Un malcostume 2.0 (se non proprio reati) da contrastare in primis con il buon senso, tuttavia anche testimonianza di quei 'nervi scoperti' che animano il sentire dei cittadini, e che possono essere (e lo saranno) terreno di coltura in vista delle prossime elezioni politiche e comunali.

Consapevoli di questo, ecco 10 fra i casi più discussi e 'polemici' del 2017.

1. Gender

In ordine di tempo le due ultime posizioni pubbliche espresse sono del mese di dicembre appena trascorso. C'è stata la presentazione dell'Osservatorio per le politiche della famiglia di Cascina, con il sindaco Ceccardi che ha spiegato che "ciò che vogliamo ribadire è che c'è differenza tra i sessi, che deve essere tutelata la parità tra i sessi ma non devono esserci equivoci. Il rispetto delle scelte altrui è fondamentale, ma altra cosa è propagandare una deriva omosessualista". E poi la lettera di alcune educatrici, che richiamano l'attenzione sull'importanza dei progetti di educazione alle differenze ed esprimono "profonda preoccupazione per il livello di acredine con cui sono state delegittimate e vilipese le associazioni e le operatrici, impegnate nei percorsi di educazione al rispetto ed alla parità, attivati in 38 classi degli Istituti Comprensivi della zona pisana". Il tema è dibattuto da tempo e riproposto nelle piazze nel 2017 dal movimento delle Sentinelle in Piedi. Ogni anno comunque viene issata sul Ponte di Mezzo la bandiera Rainbow, simbolo dell'orgoglio LGBTIQ.

2. Emergenza abitativa

Picchetti antisfratto e presidi, sospensioni delle esecuzioni e richiami dei sindacati all'attenzione sul problema, si sono susseguiti durante tutto il 2017. A marzo c'è stato un forte momento di frizione fra amministrazione comunale ed attivisti, con l'assessore Ylenia Zambito che arrivò a dire che "chi chiede un incontro insieme a Prendocasa ed ai comitati di Gagno e Sant'Ermete non sarà ricevuto". Un problema quello degli sfratti che, secondo l'Unione Inquilini, ad ottobre ha cominciato ad intaccare anche l'assistenza sociale, che avrebbe poche risorse per intervenire efficacemente. 

Sui singoli casi ha tenuto banco l'azione del Comitato Sant'Ermete per le case popolari, con costanti rimostranze presso le sedi istituzionali (l'ultima con la spazzatura negli uffici Apes), stesso tema che ha avuto rilevanza anche a Cascina, con gli episodi del tentato sfratto senza preavviso e la discussa applicazione dei nuovi criteri di assegnazione delle case.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le polemiche dell'anno che fu: ecco i 10 temi 'caldi' tra i più discussi del 2017

PisaToday è in caricamento