rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Griffe contraffatte: 5 denunce e centinaia di prodotti sequestrati

L'operazione condotta dalla Polizia di Stato di Pisa e ribattezzata 'Speedy bag' si è conclusa lunedì all'alba con un blitz in due appartamenti della città. All'interno delle abitazioni anche 2 macchine per falsificare la merce

Cinque cittadini senegalesi denunciati in stato di libertà per il reato di fabbricazione di prodotti con marchi contraffatti e ricettazione, e più di 500 articoli sequestrati per un valore complessivo di circa 30mila euro. E' questo l'esito dell'operazione anticontraffazione condotta dalla Polizia di Stato di Pisa e ribattezzata 'Speedy bag'. Un'operazione che si è conclusa ieri all'alba, con il blitz della Polizia in due abitazioni della città: una in via Umbria e l'altra in piazza Caduti di El Alamein. All’interno dei due appartamenti, i poliziotti si sono trovati di fronte centinaia e centinaia di articoli: jeans, camicie giubbotti, occhiali, scarpe, portafogli e, soprattutto, borse. Tutti prodotti rigorosamente contraffatti.

"All’interno delle abitazioni - spiega il commissario capo Fabrizio Nocita che ha diretto l'operazione - abbiamo anche rinvenuto e sequestrato 2 macchine marchiatrici a caldo con ancora inseriti i timbri falsi delle 'griffe'. Macchine che possono costare tra i 500 e i 2mila euro, ma che soprattutto testimoniano il 'salto di qualità' che alcuni venditori di merce contraffatta hanno fatto nel corso degli anni".

>>> IL VIDEO DEL BLITZ <<<

Se in passato infatti i venditori compravano la merce dal mercato partenopeo e da quello cinese e poi la rivendevano ora, alcuni di loro, sono passati direttamente alla produzione della merce stessa. "In sostanza - prosegue Nocita - prima queste persone erano gli 'ultimi venditori'. Adesso invece si  acquistano articoli, principalmente borse, privi del marchio che poi viene aggiunto in seguito con questi macchinari, acquistati verosimilmente nella zona del cuoio. Una procedura che comunque comporta un abbattimento dei costi e un aumento dei profitti".

Sono così state sottoposte a sequestro circa 250 borse, 100 giubbotti, 20 paia di scarpe e 200 tra camicie, jeans, maglioni e portafogli. "Nei giorni scorsi - prosegue Nocita - abbiamo portato avanti una lunga attività di osservazione ed identificazione dei venditori. Quando abbiamo notato l'enorme quantità di merce con cui avevano a che fare, abbiamo richiesto alla Procura l'autorizzazione a procedere con le perquisizioni". A quel punto è scattato il blitz della Polizia. "Non escludiamo - afferma Nocita - che le persone denunciate potessero in qualche modo fornire i prodotti contraffatti anche ad altri venditori della stessa nazionalità. Allo stesso modo non possiamo escludere che altri, come loro, siano dotati di questi macchinari per contraffare e griffare la merce".

Le persone denunciate erano tutte in regola con il permesso di soggiorno e avevano un regolare contratto d'affitto. Alcune di loro avevano anche una regolare licenza di venditori ambulanti. La Polizia ha comunque segnalato il caso all'Ufficio Immigrazione che ora dovrà valutare se prendere o meno provvedimenti in merito.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Griffe contraffatte: 5 denunce e centinaia di prodotti sequestrati

PisaToday è in caricamento