Cronaca

Pontedera, 'La Città dei Motori' fa incontrare il gokart con l'Evantra

Florio Monti, 95 anni pilota di moto e gokart e Luca Mazzanti, progettista e costruttore di Evantra: due "numeri uno" del passato e del futuro motoristico di Pontedera si incontrano per la prima volta

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Un ragazzino di 95 anni, un Forrest Gump di Forcoli, che ha trascorso la sua vita correndo. Un uomo nelle cui vene scorre benzina, prima negli anni ‘30 montando i motori degli aerei Piaggio, poi correndo in Vespa nel primissimo dopoguerra, poi in moto negli anni ’50 partecipando al Giro della Toscana e alla Milano-Taranto, gara di velocità su strada. Nell’edizione del 1954 percorse tutta l’Italia in 17ore – 32m e 28s senza mai scendere dalla moto se non per i rifornimenti, poi con i Gokart con la licenza per correre n. 0001, la prima patente della Federazione Italiana Kart, partecipando al campionato italiano nel 1983. “Il primo Kart l’ho costruito da solo - dice Florio Monti - con un telaio fatto di tubi quadrati e il motore di una Vespa”. Dall’altra parte un pontederese, un po’ più giovane che a otto anni mentre la maestra spiegava, già disegnava automobili. Lui è Luca Mazzanti; oggi a Gello di Pontedera, progetta e costruisce nella sua officina la supercar Evantra, mille cavalli di potenza imbrigliati in una struttura d’acciaio e carbonio che racchiude la più alta tecnologia presente oggi sul mercato, elaborata, personalizzata e sviluppata secondo le idee di Luca e dei suoi collaboratori. Il tutto custodito da una carrozzeria moderna, fortemente identitaria, che racconta l’unicità della macchina nata per la strada e rivolta ai mercati internazionali, adatta anche alla pista come ha dimostrato quest’anno partecipando alla 24 ore di Le Mans. Monti e Mazzanti, Florio e Luca, il GoKart e l’Evantra e non si erano incontrati prima e si sono piaciuti subito. Florio è rimasto incantato dalle linee dell’Evantra “diverse da tutte le altre” come ha detto mentre con gli occhi appassionati ascoltava il ruggito del motore 8 cilindri; Luca, colpito nel segno, afferma “è il più bel complimento che potesse farmi; vista la lunga storia dell’automobile è difficile fare qualcosa di originale”. Evantra, invece è proprio riuscita ad essere unica come Florio, unico pilota a girare in pista sul gokart fino oltre a 90 anni. “Due storie motoristiche che delineano il profilo di Pontedera “Città dei Motori”, dice Eugenio Leone, consigliere Comunale delegato; passato e futuro che si incontrano, dimostrando che Pontedera è terrà ricca di “motori” e non solo per la gloriosa storia di Vespa e Piaggio”. Evantra è la dimostrazione che la storia continua. Due personaggi, due “numero uno” molto diversi tra loro ma accomunati dalla passione per i motori in una terra, la Valdera che da più di cent’anni è caratterizzata dai Motori e dall’Innovazione. Forse non tutti sanno che nel 1919 Enzo Ferrari esordì come pilota su un’ auto da corsa costruita nelle officine CMN (Costruzioni Meccaniche Nazionali) di Pontedera, già prima di divenire pilota Alfa Romeo e poi costruttore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pontedera, 'La Città dei Motori' fa incontrare il gokart con l'Evantra

PisaToday è in caricamento