Cronaca

Porta a porta nei condomini, sicurezza a rischio: allo studio una soluzione

Il problema sicurezza riguardava quei palazzi senza nessun amministratore o residente incaricato di portare fuori i bidoni della raccolta. L'iniziale possibilità di lasciare aperti i cancelli non piaceva a Anaci, che ora pensa ad una serratura ad hoc

Una serratura che si apre attraverso una chiave cifrata o un dispositivo magnetico installato a spese del condominio su barre e cancelli automatici. È questa la soluzione che Anaci, l'associazione degli amministratori di condominio – sezione di Pisa, sta studiando in accordo con Geofor in vista dell'introduzione ormai imminente del sistema di raccolta differenziata porta a porta nei quartieri ad alta densità abitativa come Cisanello e Pisanova, seconda tappa dopo la sperimentazione effettuata nei mesi scorsi sull'area artigianale di Ospedaletto/Montacchiello, Coltano e nelle zone di Oratoio, Putignano, Riglione, Sant'Ermete.

SICUREZZA. "Il problema - spiega il presidente Anaci Carlo Malvogli - si è posto per quei fabbricati, e abbiamo avuto modo di verificare in queste settimane che sono l'assoluta maggioranza, in cui non ci sono né portieri né inquilini/condomini che hanno la possibilità e il tempo per rendersi disponibili a portare all'esterno degli spazi condominiali, nell'orario stabilito, i contenitori della differenziata in modo che gli addetti Geofor provvedano al ritiro. L'iniziale ipotesi, ventilata da Geofor, di lasciare aperti cancelli automatici e barre dalle 6.30 del mattino alle 13 per permettere la raccolta porta a porta non era assolutamente praticabile: la sicurezza dei condomini sarebbe stata messa a rischio, furti e intrusioni si sarebbero moltiplicati. E i cortili privati, in alcune zone, avrebbero potuto facilmente tornare ad essere aree di sosta selvaggia".

I COSTI. Mercoledì 16 settembre gli amministratori Anaci, che in questo periodo hanno raccolto preventivi e proposte, sceglieranno il modello di serratura più idoneo stipulando una convenzione con la ditta prescelta e trasmettendo la documentazione a Geofor. "La spesa aggiuntiva a carico dei condomini per l'installazione del dispositivo - afferma Malvogli - si aggira tra 200 e 350 euro. Sarà inoltre necessario attivare un servizio di pulizia, almeno una volta al mese, dei bidoni che dovranno essere collocati in aree comuni condominiali. Non va, infine, dimenticato che il conferimento non corretto dei rifiuti sarà sanzionato. E nel caso in cui non sarà possibile risalire ai responsabili ne farà le spese l'intero condominio".

Il porta a porta nei quartieri di Cisanello e Pisanova, secondo le ultime indicazioni fornite da Geofor, dovrebbe partire il 1° dicembre. In questi giorni, durante i quali gli amministratori Anaci stanno mettendo in calendario numerose riunioni informative con inquilini e proprietari, è già comunque iniziata la distribuzione alle famiglie di sacchini e bidoni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta a porta nei condomini, sicurezza a rischio: allo studio una soluzione

PisaToday è in caricamento