rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca

Il Porto di Pisa razionalizza l'acqua per rispondere all'emergenza siccità

Ridotte le fasce orarie in cui si potrà usare l'acqua industriale per i lavaggi

L'acqua è una risorsa preziosa e come tale bisogna difenderla: il Porto di Pisa non si tira indietro e spinge per la sensibilizzazione dei diportisti e dei cittadini, anche alla luce del caldo record delle ultime settimane e le previsioni di siccità. L'ultima misura ambientale adottata dall'ente riguarda la razionalizzazione dell'acqua industriale, quella dedicata al lavaggio delle barche e delle strutture portuali.

"Quest'anno l'emergenza idrica è peggiore di quella del 2003, una vera e propria catastrofe climatica, che si sta abbattendo anche sull'Italia - commenta Michele Magri, Responsabile dei Progetti Ambientali del Porto di Pisa - comprendiamo che la nostra attività possa essere vista come 'non essenziale', per questo abbiamo pensato di prendere un'iniziativa concreta per ridurre gli sprechi".

L'erogazione dell'acqua industriale non sarà disponibile in due fasce orarie giornaliere, una notturna, dalle 20 alle 7, e un'altra nelle ore più calde della giornata, dalle 12 alle 16, in cui l'evaporazione è maggiore. "Essere nel Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, sulla foce di un fiume storico, in una situazione di pregio ambientale è per noi un punto di forza ma anche una grande responsabilità - commenta Simone Tempesti, Amministratore Unico di Porto di Pisa –- per questo, da sempre, siamo impegnati per limitare l'impatto delle attività del porto turistico e contribuire ad accrescere la consapevolezza sui temi ambientali".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Porto di Pisa razionalizza l'acqua per rispondere all'emergenza siccità

PisaToday è in caricamento