Poste, Cgil: "Spingiamo per riaprire gli uffici chiusi, ma servono le protezioni"

Slc Cgil Pisa pensa in particolare ai presidi del litorale, ma è importante poter disporre di mascherine e gel igienizzante

Slc Cgil di Pisa ripercorre il proprio impegno profuso per i lavoratori delle poste nel contesto dell'emergenza del Coronavirus, annunciando la prossima mobilitazione, "fino allo sciopero se necessario", per la tutela della salute dei dipendenti. 

"Già dai primi giorni dell'emergenza, con i nostri rappresentanti sindacali e della sicurezza, abbiamo richiesto con forza a Poste Italiane i dispositivi di protezione individuale per i lavoratori quali mascherine, guanti e gel igienizzanti per la tutela loro e anche per la clientela, ottenendo, con un enorme fatica ed una copertura parziale, l'installazione di pannelli in plexiglass negli uffici senza blindatura. Riteniamo che tutti i servizi garantiti fino ad ora non siano poi così 'essenziali' (bollettini in scdeza a fine aprile, richieste di un semplice estratto conto, ecc), ciò ha provocato in tutti gli uffici postali del territorio pisano, lunghe code di utenti e disagi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Purtroppo gli operatori postali stanno pagando un prezzo elevato - prosegue il sindacato - contando già 4 vittime nelle zone rosse del Nord Italia e ad oggi ben 6 casi di positività al virus anche nella nostra provincia. A garanzia della salute dei dipendenti di Poste e di tutta la cittadinanza, continueremo a lavorare per ridurre al minimo i rischi di contagio, aumentando finché necessario le protezioni e cercando di ridurre le cosiddette attività essenziali. Nel rispetto del messaggio governativo 'io resto a casa', solleciteremo Poste a garantire la sicurezza e la riapertura, anche a giorni alterni, degli uffici territoriali, partendo da quelli la cui chiusura ha creato forti disagi ai pensionati e alla popolazione. Ci riferiamo in particolare agli uffici del litorale pisano alle località di Tirrenia e Marina di Pisa e alle zone limitrofe della provincia (Val di Cecina, zona del Cuoio ecc.)".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si diplomano e vengono assunti nell'azienda dei loro sogni

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana: 812 nuovi positivi, 108 a Pisa

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Covid, estetisti e parrucchieri restano aperti: "In questi mesi prova di grande affidabilità e serietà"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento