I precari del Cnr alla 'ricerca della stabilità': presidi di fronte a Comune e Prefettura

L'iniziativa, promossa da Usb ricerca, segue quelle che si sono svolte l'11 e il 13 novembre scorso a Roma

Presidi 'mobili' di fronte a Cnr, Comune e Prefettura, per chiedere la stabilizzazione dei precari. E' l'iniziativa promossa questa mattina, 20 novembre, a Pisa da Usb Ricerca. Si tratta della tappa pisana del viaggio '#tuttiassunti2019' che è iniziato l'11 novembre scorso davanti al Cnr di Roma e che è proseguito il 13 novembre con una manifestazione a Montecitorio. 

"Il lavoro precario - scrive in una nota il sindacato - affligge anche il mondo della ricerca, e da anni Usb lo combatte. L’art. 20 del decreto ‘Madia’ definisce una norma speciale per il superamento del precariato, e gli enti pubblici di ricerca hanno ricevuto abbastanza fondi, da due governi di opposta fazione, per assumere tutti i precari: ci sono le norme e le condizioni per farlo entro il 2019. Eppure, oggi assistiamo a un chiaro ed evidente rallentamento della stabilizzazione. Al Cnr siamo circa a metà dell’opera: è possibile assumere tra le 350 e le 780 unità di personale, ma l’ente non procede".

Usb è partito da Roma, l’11 novembre, con il furgone dei precari, e porta in giro per l’Italia la rabbia e la delusione per il mancato completamento delle assunzioni "aggravato dalla proposta, in legge di bilancio, degli articoli 28 e 29, che rischiano di bloccare definitivamente il processo. Protestiamo contro gli enti che non applicano correttamente le norme e contro il governo che pur dichiarando di sostenere la ricerca pubblica, di fatto, la affossa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quindi le richieste: "Chiediamo - prosegue Usb - che gli enti pubblici di ricerca usino tutte le risorse disponibili per il completamento delle assunzioni di tutti gli idonei dei concorsi riservati C2, dei comma 1 non prioritari e delle chiamate dirette, entro la fine del 2019. Ciò è supportato anche dalla sentenza del Consiglio di Stato 1487/2019, che assicura che i fondi vincolati non vanno compensati con la quota del 50% da destinare a concorsi pubblici. Inoltre, negli enti pubblici di ricerca l’età lavorativa media è molto alta, e si prevedono circa 4000 cessazioni entro il 2022. Chiediamo che il Parlamento abolisca l’art. 28 della Legge di Bilancio: così come definita, l’Agenzia della Ricerca, oltre a sottrarre importanti risorse, non può funzionare. Chiediamo che il Parlamento cancelli i primi 4 commi dell’art. 29 della Legge di Bilancio: questi commi abbassano pericolosamente la quota di fondi destinati al personale, bloccando di fatto le capacità assunzionali degli enti di ricerca pubblici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Coronavirus in Toscana: solo sette i nuovi casi, un decesso nel pisano

  • Coronavirus in Toscana: 14 nuovi casi e 6 decessi

  • Coronavirus in Toscana, 18 nuovi casi: un decesso nel pisano

  • Coronavirus in Toscana: 12 nuovi casi e 2 decessi

Torna su
PisaToday è in caricamento