Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Nuovo prefetto, il sindacato di Polizia dà il benvenuto: "La movida non è solo ordine pubblico"

Il Siulp-Pisa, con il segretario provinciale Vito Giangreco, saluta il dottor Attilio Visconti recentemente insediatosi a Palazzo del Governo. Il sindacato manifesta subito la volontà di offrire piena collaborazione anche su temi sentiti come appunto quello della movida

Il nuovo prefetto Attilio Visconti

Dopo l'insediamento, avvenuto lunedì, del nuovo prefetto a Palazzo del Governo di Piazza Mazzini, il SIULP-PISA (Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia) dà il benvenuto al dott. Attilio Visconti e coglie l’occasione per manifestare sin da subito tutta la propria collaborazione nell’affrontare tematiche sulle quali apertamente, senza se e senza ma, il sindacato ha sempre supportato le istituzione locali, prefetto e questore.

Al prefetto, assicurano dal sindacato, il SIULP-PISA non farà mancare pertanto il proprio apporto anche su tematiche importanti come la movida, sul quale lo stesso Visconti si è a lungo soffermato durante l'incontro con la stampa nel giorno dell'insediamento.

"In tante circostanze, il SIULP-PISA - si legge in una nota del sindacato - ha palesemente dichiarato che la movida non è solo una questione di Ordine Pubblico, ma un fenomeno articolato che deve essere affrontato, al di là delle logiche dell’appartenenza politica e fuori da quel sistema di cordate e cortigiani, con valutazioni funzionali e strutturali socio-politiche, evitando ricadute di responsabilità sui tutori dell’ordine a prescindere dall’uniforme indossata".

"Dottor Visconti - si rivolge direttamente al prefetto il segretario provinciale SIULP Vito Giangreco - siamo pronti a dare una mano al suo impegno per far venire nuovi agenti a Pisa, ma pronti pure a ribadire, con forza, che il fenomeno non può e non deve essere liquidato come una questione di Ordine e Sicurezza Pubblica. Eccellenza la Sua esperienza in altra città universitaria, seppur con numeri diversi, Le consentirà, (non abbiamo dubbi ), di ben comprendere che la valutazione del fenomeno e le eventuali soluzioni positive sono legate ad un problema di costi; solo attraverso una attenta valutazione, a nostro avviso,  si possono evitare errori passati che hanno visto il sorgere di tavoli tecnici dai quali emergeva la richiesta di personale che oggi sappiamo essere un aspetto assai difficile da realizzare,  considerato anche le ultime assegnazioni alla Questura di Pisa, e soprattutto l’affrontare il fenomeno della Movida  quale problema di Ordine Pubblico. Il SIULP-PISA ha la consapevolezza - prosegue Giangreco - che le soluzioni auspicate non potranno essere solo la risultanza di una convocazione in più di un tavolo tecnico, ma potranno e dovranno arrivare da interventi strutturali a medio e lungo termine, quale osmosi tra politiche sociali e della sicurezza,  non gravando unicamente sugli operatori delle forze dell’Ordine che ogni giorno svolgono il proprio compito in condizioni sempre più difficili".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo prefetto, il sindacato di Polizia dà il benvenuto: "La movida non è solo ordine pubblico"

PisaToday è in caricamento