Cronaca

Presidio e biciclettata dedicata al migrante morto in incidente: "No alle periferie sociali"

L'appuntamento è fissato a partire dalle ore 16 di venerdì in Piazza XX Settembre

Un presidio e una biciclettata per le vie del centro, sia per ricordare Abdulkarim Souware, migrante 22enne morto in un tragico incidente stradale il 12 febbraio scorso a Pontasserchio, che per denunciare "le difficoltà che ogni immigrato vive nei centri d'accoglienza delle periferie urbane, ghetti sociali che rendono la loro integrazione ogni giorno più complicata". A lanciare le iniziative sono alcuni gruppi pisani, come Idansé, Arte Migrante Pisa, Exploit Pisa, Critical Mass Pisa, Limonaia - Zona Rosa e Fridays For Future Pisa. 

L'appuntamento è per oggi, 28 febbraio, in Piazza XX Settembre. Alle ore 16 si terrà il presidio, con poi alle ore 18 il ritrovo e la partenza della biciclettata, aperta a tutti. 

"Questa è la storia dei poveri tra i poveri - si legge nel lancio dell'evento - di tutti coloro che affidano la loro mobilità necessariamente alle loro gambe o a mezzi di trasporto di fortuna, spesso a discapito della sicurezza. Sicurezza non garantita se le strade sono buie, prive di manutenzione, se l'attraversamento sicuro della città è un lusso riservato a pochi. Questa è anche la storia della parola 'sicurezza', sempre più bistrattata, fraintesa e strumentalizzata. Questa è una delle troppe storie di ingiustizia sociale, ghettizzazione e negligenza e per questo vogliamo trasformarla in una storia di denuncia; denuncia anzitutto nei confronti della dislocazione dei centri d'accoglienza, del menefreghismo delle amministrazioni a illuminare e mettere in sicurezza strade periferiche, e del pericoloso disinteresse delle aziende di trasporti a garantire corse notturne".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presidio e biciclettata dedicata al migrante morto in incidente: "No alle periferie sociali"

PisaToday è in caricamento