Case popolari, il Comitato Sant'Ermete: "Ci prenderemo le nostre risposte"

Annunciato un presidio sotto al Comune in occasione del Consiglio Comunale di giovedì pomeriggio, possibile contestazione anche in assemblea: "Da mesi solo prese in giro"

Il picchetto alla sede del Pd dell'11 novembre

Gli attivisti del Comitato Sant'Ermete, nella conferenza stampa di oggi 14 dicembre davanti Palazzo Gambacorti, hanno annunciato il presidio in Piazza XX Settembre per domani dalle 16 per spingere il Consiglio Comunale ad affrontare il tema delle case popolari. Una delegazione sarà presente all'assemblea per chiedere risposte circa le rivendicazioni che da tempo vengono portate avanti dai residenti del quartiere: investimenti per le periferie, condizioni fatiscenti delle case, esonero dall'affitto.

"Siamo stufi del 'vi faremo sapere' - dichiarano gli attivisti - siamo costretti ad azioni eclatanti per farci ascoltare". Un mese fa, lo scorso 11 novembre, fu occupata la sede del Partito Democratico a seguito del rinvio della discussione della mozione sull'esonero. "Una settimana dopo c'è stato un incontro dove abbiamo consegnato tutto il materiale, la relazione della Asl che parla di inabitabilità, insomma tutto circa l'emergenza nella quale viviamo. Ma niente risposte. Anche per questo in molti hanno votato no al referendum, la gente si sente abbandonata da un governo ed una politica distante dai bisogni dei cittadini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Domani - concludono dal Comitato - si discute col bilancio di come spendere i soldi e vogliamo dire la nostra. Dopo tutti gli scandali e le indagini, le grandi opere e le risorse dovute ma mai richieste ai grandi imprenditori, vediamo spendere cifre rilevanti ad esempio per l'emergenza abitativa con l'uso di affittacamere, quando si potrebbe pagare l'affitto per più tempo in case vuote. Siamo stanchi, i soldi ed anche i modi per recuperarli ci sono, se solo l'amministrazione volesse".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, approvato il decreto scuola: ecco cosa cambia

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • In Toscana scatta l'obbligo delle mascherine: chi deve indossarle e in quali occasioni

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

  • Coronavirus: 196 nuovi casi in Toscana, il dato più basso dall'inizio dell'epidemia

  • Coronavirus, i balneari pisani attendono con fiducia la bella stagione

Torna su
PisaToday è in caricamento