Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Emergenza abitativa, Sant'Ermete in presidio alla Sds: "Sì all'autorecupero delle case sfitte"

Gli attivisti del quartiere hanno chiesto, senza esito, un incontro all'assessore e presidente Sds Gambaccini

Nel pomeriggio di ieri, 29 maggio, attivisti del comitato di quartiere di Sant'Ermete hanno tenuto un presidio all'interno della Società della Salute di via Saragat. Al centro della questione l'emergenza abitativa, in particolare sul tema del recupero delle case popolari sfitte e nel degrado. La questione è nota da tempo, con gli stessi sindacati degli inquilini che contano almeno 250 alloggi nel Comune, che una volta sistemati potrebbero essere assegnati.

I manifestanti hanno chiesto, senza esito, un incontro con l'assessore e presidente della Sds Gianna Gambaccini. "Basta pagare fior di quattrini pubblici - hanno affermato - per affittacamere dove vengono stipate intere famiglie in dei veri e propri tuguri. Ci sono case popolari lasciate a marcire e questo non è più tollerabile. Abbiamo presentato un progetto per autorecuperare gli alloggi vuoti del nostro quartiere. Approvatelo!".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza abitativa, Sant'Ermete in presidio alla Sds: "Sì all'autorecupero delle case sfitte"

PisaToday è in caricamento