Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Primo giorno di scuola: la visita del sindaco negli istituti cittadini

Michele Conti ha rivolto un augurio denso di speranza per la ripresa delle lezioni in presenza

E' suonata la prima campanella stamani a Pisa in tutte le scuole di ogni ordine e grado, con gli alunni che hanno potuto fare rientro a scuola in presenza e in sicurezza, secondo l’organizzazione degli ingressi scaglionati e degli spazi interni già collaudata lo scorso anno. Il sindaco di Pisa Michele Conti, accompagnato dall’assessore alle Politiche educative e scolastiche Sandra Munno, ha fatto visita stamani alle scuole primarie Damiano Chiesa, alle secondarie Fibonacci, alle primarie Lorenzini e Oberdan, per augurare un buon inizio anno scolastico a bambini, insegnanti e dirigenti scolastici. L’assessore Munno ha poi proseguito il giro, visitando anche l’Istituto Gamerra, sia le primarie che le secondarie.

"Quest’anno voglio rivolgere un augurio pieno di speranza - ha detto il sindaco Michele Conti - a tutta la comunità scolastica cittadina per il nuovo anno scolastico che inizia oggi. La ripartenza in presenza per tutte le scuole ci riempie di ottimismo: oggi è un giorno di festa, in cui possiamo salutare l’inizio del nuovo anno e festeggiare una comunità che si ritrova, sperando di poter abbandonare i periodi di chiusure forzate causate dalla pandemia. Come amministrazione comunale già dallo scorso anno ci siamo impegnati a fondo per garantire in ogni istituto scolastico la presenza di spazi adeguati in tutte le classi in rispetto alle normative di prevenzione sanitaria. Tramite la task force scuola, messa in piedi dal Comune con la collaborazione di tutti i dirigenti scolastici, è stato effettuato un lavoro di ricognizione, individuando gli spazi alternativi da utilizzare: sono stati realizzati interventi per 180mila euro, grazie ai quali quest’anno le scuole hanno potuto riaprire in sicurezza e usufruire di un’organizzazione degli spazi già collaudata".

"Sulla sicurezza degli alunni - prosegue il Sindaco - che è sempre stata una priorità per la nostra amministrazione, abbiamo investito risorse mai viste prima: un totale di 7,6 milioni di euro nei primi tre anni di mandato, per rendere sicuri, funzionali e accoglienti quei luoghi fondamentali in cui avviene la formazione e la crescita dei nostri figli. Oltre a tutto ciò, stiamo dedicando attenzione al miglioramento dei servizi rivolte alle famiglie, sperimentando in due asili nido e in due scuole primarie la possibilità per le famiglie di usufruire del tempo prolungato, un modello che puntiamo poi ad applicare in tutte le strutture, per offrire un servizio che sappia rispondere concretamente alle esigenze dei genitori".

"Da quest’anno - aggiunge l’assessore Sandra Munno - oltre alle scuole a tempo pieno presenti in città, il Comune offrirà la possibilità del sevizio doposcuola nelle due primarie Lorenzini e Oberdan, con attivazione della mensa e possibilità per i bambini di svolgere i compiti con l’ausilio di personale educativo specializzato, offrendo alle famiglie un prolungamento orario da fine scuola fino alle 17.30. Il doposcuola sarà aperto anche ai bambini che non frequentano la scuola. Si tratta di un servizio pensato per permettere alle famiglie di coniugare meglio tempi di famiglia e tempi di lavoro, che si affianca alla sperimentazione dell’orario prolungato fino alle 18 ai nidi San Biagio e Albero Verde e alla previsione di estendere il servizio nei nidi a gestione indiretta per il mese di luglio".

Durante la pausa estiva sono stati tanti anche per quest’anno i cantieri allestiti negli edifici scolastici cittadini per effettuare manutenzioni, efficientamento energetico, antisismica, antincendio in asili nido, scuole dell’infanzia, scuole primarie e secondarie di primo grado: completati i lavori di adeguamento antincendio presso la scuola primaria Filzi-materna Ciari (importo 84.675 euro, con contributo statale di 70mila euro); finiti anche i lavori di manutenzione straordinaria presso gli edifici scolastici sede delle scuole Cambini e Toniolo centrale, oltre a opere di controsoffittatura alle scuole Toniolo succursale e Genovesi (importo 104.310 euro); terminati i lavori di ripristino funzionale dei locali a servizio di alcune palestre scolastiche di proprietà comunale alle scuole Galilei, Castagnolo, Parmini (importo 40.985 euro). Sono stati invece rimandati alla pausa natalizia i lavori di adeguamento antincendio presso la scuola media Galilei (importo 76.521 euro).

A questi lavori in corso bisogna poi aggiungere quelli già realizzati nell’anno passato i cui cantieri, in alcuni casi, sono terminati durante la pausa estiva appena conclusa. Tra questi, sono conclusi i lavori di miglioramento sismico presso la scuola Sauro (importo 319.056 euro) mentre sono ancora in corso i lavori di consolidamento strutturale su porzione di edificio vincolato alla sede della scuola media Fibonacci succursale e elementare N. Pisano (II stralcio), propedeutici all’adeguamento sismico complessivo (importo 608.904 euro). I lavori termineranno per i mesi di gennaio-febbraio. In quest’ultimo caso occorre evidenziare che i lavori si aggiungono a quelli già conclusi del I stralcio funzionale per un importo di euro 489.580 euro e a quelli ancora da realizzare del III stralcio, che andranno a completamento dell’adeguamento sismico dell’intero organismo strutturale. Inoltre, in merito agli interventi di riduzione del rischio sismico, si sono già conclusi i lavori di rinforzo locale e miglioramento sismico all’edificio della scuola primaria G. Oberdan (importo 158.479 euro); i lavori di miglioramento sismico all’edificio della scuola primaria Rismondo (importo 249.005 euro) e i lavori di miglioramento sismico con sostituzione di parti non strutturali della copertura dell’edificio sede della scuola primaria L. Cambini (importo 355.004 euro).

L’amministrazione comunale ha comunicato a ciascun istituto scolastico la disponibilità a partire con il servizio della refezione già dal primo giorno di scuola. Ciascun istituto scolastico ha poi deciso in autonomia, in base alle proprie esigenze e capacità organizzative, quando far attivare il servizio mensa. La maggior parte deli istituti attiverà il servizio dal 27 settembre, mentre le scuole Damiano Chiesa, Zerboglio, Battisti, Novelli e infanzia Pertini e San Rossore partiranno dal 22 settembre. Le modalità di funzionamento del servizio sono le stesse attuate con i protocolli adottati lo scorso anno per garantire le misure di sicurezza previste dalle normative nazionali e che proseguiranno fino al perdurare del periodo di emergenza sanitaria. Il servizio prevede la fornitura di pasti già sporzionati (o che verranno sporzionati fuori dall’aula) dentro appositi contenitori, che i bambini potranno consumare direttamente in classe o nel locale dedicato al refettorio, a seconda delle disponibilità di spazio delle varie scuole.

Per quanto riguarda il trasporto scolastico, il servizio, messo a disposizione delle scuole già dal primo giorno di scuola, inizierà dal 27 settembre come richiesto dagli istituti scolastici. Tutti gli scuolabus sono dotati di gel sanificante mani, prima di salire sarà misurata la temperatura ai bambini da parte dell’accompagnatore. Tutti gli scuolabus saranno dotati di marker segnaposto così da garantire il rispetto della distanza. A seguito di tale disposizione i posti sugli scuolabus sono ridotti a 215. Gli scuolabus saranno sanificati più volte con prodotti specifici stabiliti nella circolare del Ministero della Salute.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo giorno di scuola: la visita del sindaco negli istituti cittadini

PisaToday è in caricamento