Primo premio all'IIS Galilei-Pacinotti di Pisa con il cortometraggio 'Il volto a metà'

Il cortometraggio 'Il volto a metà' prodotto dal prof. Simone Pecori e dagli studenti del Progetto InCORTIamoci dell'IIS Galiei-Pacinotti di Pisa ottiene il primo premio nella sezione Spazio Scuole del COFFI - Cort'OGLOBO Film Festival di Vietri sul Mare (Salerno)

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Il cortometraggio “Il volto a metà”, realizzato dagli studenti del Progetto InCORTIamoci dell’Istituto di Istruzione Superiore Galilei-Pacinotti di Pisa, è risultato vincitore della categoria Spazio Scuola all XIV edizione di COFFI - Cort’O Globo Film Festival Italia che si è svolta a Vietri sul Mare (Salerno). COFFI Film Festival nasce da un’idea di Andrea Recussi, direttore generale, e già dai primi anni si presenta come uno dei festival più organizzati e ambiti del Sud Italia, garantendo qualità e partecipazione già dal lontano 2004 come festival indipendente del cinema e delle arti con l'obiettivo di valorizzare giovani artisti e talenti emergenti dalle realtà più difficili. Le prime edizioni si sono svolte ad Angri, nel famoso Castello Doria; da circa 2 anni COFFI Film Festival ha affondato le sue radici nella fantastica cornice di Vietri Sul Mare, dove mare, sole, videocamere, registi giovani studenti e autori animano ancora di più le colorate viuzze della Costiera nel periodo pre-natalizio di dicembre. Insomma, grande è stata la soddisfazione del prof. Simone Pecori, regista del cortometraggio e docente del progetto scolastico, quando sabato 7 dicembre, dopo la proiezione dei cinque corti finalisti e la proclamazione del vincitore, ha ritirato il premio così importante insieme a due studenti, Alice Giorgi e Matteo Gennai, che hanno avuto un ruolo fondamentale nel film. La Prof.ssa Cristina Ferrigno, presidente della Giuria Tecnica di COFFI, ha consegnato il primo premio, una bellissima ceramica vietrese con dipinto a mano un polpo, simbolo di Vietri sul Mare, e la pergamena con scritta la motivazione della giuria: “Il corto percorre, con ritmo crescente e con grande sensibilità, una problematica che suscita perplessità, disagio, angoscia e coraggio di una scelta da parte di chi vive in una realtà ancora oggi piena di pregiudizi”. Sono state apprezzatissime anche l’innovativa trasposizione cinematografica della sceneggiatura, la fotografia e la scelta del bianco e nero. Il cortometraggio “Il volto a metà” è il risultato dell’intensa esperienza che gli studenti del Progetto InCORTIamoci dell’I.I.S. Galilei-Pacinotti hanno svolto insieme al prof. Pecori e a Francesco Raffa, autore dei disegni che appaiono nel film e animatore insostituibile, sul tema dell’identità di genere e della difficoltà di comunicazione del proprio orientamento sessuale. “Volevamo esprimere questi temi in modo diverso, gentile e nello stesso tempo chiaro e intenso”, spiega il prof. Pecori, “e sentiamo di esserci riusciti, dopo avere lavorato un anno sull’essenzialità della sceneggiatura, sulle tecniche di ripresa, sul tipo di montaggio e sulla scelta del bianco e nero. L’impegno è stato forte, specialmente da parte degli studenti, e ora la soddisfazione è davvero tanta”. Hanno partecipato con entusiasmo, passione e professionalità alle fasi della realizzazione del cortometraggio gli studenti dell’I.I.S. Galilei-Pacinotti: Alice Azzolina, Aurora Bacci, Giulia Capo, Giovanni Costamagna, Matteo Gennai, Alice Giorgi, Davide Nardi, Eliseo Piccinonno e Eludth Vicente. Scrivere sceneggiature originali, realizzare brevi film e partecipare a queste rassegne cinematografiche, afferma il prof. Pecori, permette a docenti e studenti di comprendere come si lavora nelle scuole d'Italia e d'Europa, come si affrontano i problemi educativi e come la cinematografia amatoriale possa fare emergere in modo concreto ed efficace problemi come la dipendenza, la violenza, la diversità di genere, la povertà, il vagabondaggio, l’incomunicabilità spingendo i giovani a riconoscere queste problematiche, a riflettere e a mettersi in gioco. A breve il cortometraggio “Il volto a metà” e il progetto che gli ha fatto prendere forma saranno presentati in una delle sale cittadine del Cinema Arsenale, dove interverranno gli autori insieme a esperti di forme di disagio giovanile. Saranno invitati studenti, docenti, rappresentati delle principali istituzioni cittadine e chiunque abbia a cuore il benessere degli adolescenti. Dopo la proiezione del cortometraggio e l’auspicabile dibattito, sarà proiettato un film che affronta il tema dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere che è stato presentato a una recente rassegna cinematografica internazionale.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento