Cronaca

Capitale della Cultura 2022, sfuma il sogno di Volterra: vince Procida

A Volterra e alla sua candidatura basata sulla 'Rigenerazione umana' resta l'onore di aver partecipato alla finalissima. L'isola della Campania trionfa con il progetto 'La cultura non isola'

Rimane l'orgoglio di aver centrato la finalissima del concorso per la Capitale italiana della cultura 2022. Ma l'epilogo non è stato quello sperato da Volterra, che nella mattinata di lunedì 18 gennaio attendeva l'esito delle valutazioni della giuria presieduta da Stefano Baia Curioni. La scelta è caduta sulla candidatura di Procida, incentrata sul tema 'La cultura non isola': il Comune isolano facente parte del territorio metropolitano di Napoli è così il primo centro dell'Italia 'minore' a potersi fregiare del titolo di Capitale italiana della cultura.

"Ringrazio tutte le altre città finaliste - è il commento di Dario Franceschini, Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo - la scelta è caduta su un progetto capace di riunire allo stesso tavolo tutti gli enti del territorio, per un progetto che può essere l'esempio migliore per lo sviluppo della cultura in tutte le realtà isolane e minori del Paese". Volterra si ferma quindi a un passo dal traguardo: la sua 'Rigenerazione umana' è stata apprezzata da tutta la giuria, ma non è riuscita a battere la concorrenza di Procida. 

"Il 2022 sarà un anno molto particolare, che simboleggerà la ripartenza dell'Italia e di uno dei suoi motori: la cultura" conclude Dario Franceschini. "Tutte le candidate finaliste in qualche modo cercheranno di dare vita ai progetti presentati per il concorso, e sarà il modo per dimostrare che lo sviluppo sociale ed economico a base culturale è possibile, tanto più in un periodo critico come quello che stiamo vivendo. La cultura e il turismo traineranno l'Italia fuori dalla crisi nel prossimo anno".

Il presidente della Regione Eugenio Giani conferma le parole del ministro, scrivendo sulla sua pagina Facebook: "Volterra non ce l’ha fatta ma per noi sarà la capitale regionale della cultura per il 2022. Ringrazio il sindaco, e tutte le donne e gli uomini, molti giovanissimi, che in questi mesi si sono spesi e impegnati per il progetto di rigenerazione sociale e innovazione culturale. Questo patrimonio ci accompagnerà e Volterra saprà valorizzarlo al massimo, non c’è futuro senza cultura".

Il premio di Capitale italiana della cultura è nato nel 2014 sulla scia del percorso intrapreso da Matera nella nomina a Capitale europea della cultura per il 2019. Il Mibact decise di istituire un concorso simile a livello nazionale, assegnando il titolo fino a Parma per il 2020: la città emiliana ha prorogato il ruolo anche nel 2021, a causa dell'emergenza sanitaria che ha impossibilitato il regolare svolgimento del concorso nello scorso anno. Nel 2022 sarà la volta, quindi, di Procida, e nel 2023 il titolo è già assegnato: Bergamo e Brescia condivideranno l'onore di ricoprire il ruolo di Capitale della cultura, come riconoscimento al costo in vite umane pagato durante la prima ondata dell'epidemia di Coronavirus.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capitale della Cultura 2022, sfuma il sogno di Volterra: vince Procida

PisaToday è in caricamento