Cronaca

Progetto Stazione: firmata a Roma la convenzione con il Governo

La cerimonia a Palazzo Chigi con il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e i sindaci che hanno partecipato al bando nazionale. Filippeschi: "Portiamo in città un'altra grande dotazione di risorse aggiuntive"

Il sindaco Marco Filippeschi, ieri 18 dicembre a Roma a Palazzo Chigi, ha firmato la convenzione per il finanziamento al progetto 'Binario 14', insieme agli altri sindaci che hanno partecipato al bando nazionale per la riqualificazione urbana e la sicurezza. Alla presenza del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, e del presindente dell'Anci Antonio Decaro, il primo cittadino ha espresso la sua soddisfazione: "Si cambia musica. E' un fatto molto importante che finalmente il Governo, con questo grande finanziamento, investa massicciamente sulle città, sostenendo progetti di rigenerazione urbana, mirati a restituire decoro e sicurezza ai quartieri, ma anche contribuendo a fare dei progetti un volano di sviluppo per cambiamenti radicali, che hanno bisogno di tante risorse".

"E' un'altra nostra conquista di straordinaria importanza - ha sottolineato FIlippieschi, riassumendo i termini dell'intervento - a Pisa arrivano 18 milioni di euro stanziati dal Governo per un progetto complessivo da 43 milioni di euro. Con in aggiunta finanziamenti del 'conto energia' per il recupero di edilizia popolare nel quartiere San Giusto, che prevede un intervento di fortissimo rinnovamento della zona antistante la Stazione, per superare le criticità. Poi un parco verde lungo le mura di via Battisti; due piazze a San Giusto una nuova davanti al Binario 14 e la riqualificazione di piazza Giusti, la piazza centrale del quartiere; la passerella pedonale e ciclabile di Sant'Ermete; inoltre c'è il recupero di locali di Ferrovie dello Stato che erano inutilizzati, per progetti impronta sociale".

Un piano che punta a ridisegnare il volto della zona con poche risorse comunali: "Portiamo in città un'altra grande dotazione di risorse aggiuntive. Di 43 milioni il comune mette di suo solo 950mila euro. Pisa dimostrerà di saper spendere fino all'ultimo euro, come abbiamo fatto con i quattordici progetti Piuss, con il People Mover e con il progetto di riqualificazione de 'I Passi', che è all'avvio". Poi un punto politico: "Lasciamo a chi verrà per il prossimo mandato un grande piano di riqualificazione non sarò io a tagliare il nastro, ma sono sicuro che Pisa continuerà sulla buona strada. Quella dei fatti concreti e della stabilità. Ciò che ha distinto l'azione e lo stile della nostra esperienza. Devono valere i fatti, le chiacchiere sterili non servono alla città, vanno lasciate a chi non ha idee né cultura di governo".

Infine i rigraziamenti del sindaco, all'assessore Ylenia Zambito "che ha coordinato con competenza e passione, all'assessore Andrea Serfogli, all'Apes che con il presidente Bani e il direttore Federici ha dato un contributo fondamentale, al Consiglio territoriale di partecipazione n. 4 e al suo presidente Mazzantini. Ringrazio gli uffici del Comune che hanno dato un'altra grande prova di cui sentiamo tutto l'orgoglio. Ho salutato il presidente Paolo Gentiloni e l'ho ringraziato per l'attenzione alle città e per l'ottima collaborazione che ci ha dato".

Il segretario comunale del Pd Pisa Giovanni Viale: "E' con enorme soddisfazione che apprendiamo della firma dell'accordo per il finanziamento da 43 milioni di euro del progetto che interessa la zona della stazione e i quartieri di San Marco e San Giusto. Molti gli aspetti positivi: in primis per le cose che verranno realizzate e per il lavoro che verrà creato sul territorio. Il progetto, come altri che hanno innovato e rinnovato Pisa in questi anni, come il recupero delle colonie al Calambrone, gli investimenti sul Navicelli, i progetti Piuss e molti altri, dimostrano quanto siano necessarie per governare una città visione, capacità di progettazione (per la quale bisogna ringraziare anche la struttura e le società partecipate), pazienza e determinazione nella ricerca dei finanziamenti. Legami con il livello locale, nazionale e comunitario che alcuni, forze o liste, non hanno. In questi venti anni, certo, non tutto sarà riuscito al meglio, ma queste caratteristiche sono state presenti. Questi sono veri investimenti nella qualità della vita dei quartieri, non di certo le ronde che invece creano insicurezza. Adesso bisogna portare avanti questo progetto continuando nel percorso di partecipazione con il Ctp 4, al quale vanno i ringraziamenti per aver sostenuto il percorso e insieme ai cittadini: deve diventare il loro progetto, quello che servirà a contribuire positivamente alla qualità della loro vita e al bisogno di sicurezza".

Soddisfazione anche dal parte del consigliere regionale Pd Antonio Mazzeo. "Questa firma rappresenta un grande risultato per la città di Pisa ed è un passo avanti concreto nella direzione che ormai da tempo abbiamo intrapreso: investire nella riqualificazione urbana e, di conseguenza, nel decoro e nella sicurezza. Dopo i Piuss, dopo il progetto dei Passi, adesso grazie al grande investimento fatto dal Governo sulle periferie arrivano anche le risorse per completare la riqualificazione della zona intorno alla stazione dove più forte, in questi anni, sono emerse criticità. E’ però innegabile che tanti, in questi anni, sono stati i progetti di riqualificazione messi in campo in città e tante le zone che hanno cambiato in meglio il loro volto grazie all’impegno dell’amministrazione comunale e alla sinergia con Regione e Governo. Con questo provvedimento si segna ancora, con grande forza, quel percorso di cambiamento necessario perché la nostra città possa essere sempre più bella, più attrattiva e più rispondente alle esigenze dei cittadini e di coloro che la vivono per studio, lavoro o turismo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto Stazione: firmata a Roma la convenzione con il Governo

PisaToday è in caricamento