Cronaca

Vecchiano: il Comune chiede a Geofor interventi per migliorare il centro di raccolta

Riscontrati disagi dalla numerosa utenza della struttura di via dei Salcetti

Il sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori e l'assessore all'ambiente Mina Canarini intervengono sulla Stazione Ecologica di via dei Salcetti, bisognosa secondo l'amministrazione di intervento: "E’ necessario che Geofor intervenga definitivamente con una manutenzione costante e decorosa del CdR che eviti frequenti criticità per i nostri cittadini. Come amministrazione abbiamo avanzato anche un progetto globale di riorganizzazione; ora ci aspettiamo risposte concrete".

"La pandemia legata al Covid-19 prima, i problemi di riorganizzazione interna e i problemi di logistica dei mezzi dopo, ma anche criticità di ricezione del materiale da parte degli impianti - analizzano gli amministratori - hanno dato vita ad una situazione che nelle scorse settimane è stata particolarmente difficile per i nostri cittadini. Ci scusiamo pertanto con la cittadinanza che ha vissuto il disservizio in prima persona e sollecitiamo Geofor Spa alla definitiva risoluzione dei problemi più impattanti come lo svuotamento degli stalli con periodicità efficiente e la manutenzione decorosa del nostro Centro di Raccolta".

Negli scorsi mesi il centro è stato oggetto di sopralluoghi congiunti tra Ufficio Ambiente e Geofor per "concordare una riorganizzazione che lo renda più moderno ed efficiente, in base anche alle  richieste dei cittadini". "Ricordiamo - insistono - che il nostro Cdr è stato uno dei primi centri di raccolta, inaugurato il 10 ottobre 2009 su un terreno di proprietà comunale, e funzionante da subito con dipendenti Geofor. La nostra Stazione Ecologica, inoltre, copre un bacino di utenza molto importante e negli ultimi tempi è molto utilizzata dalla cittadinanza. Quest’ultimo è un ottimo risultato e un ottimo comportamento che incentiviamo con uno sconto in bolletta; ma se vogliamo ottenere processi sempre più virtuosi che ruotano attorno al riciclo dei rifiuti, elemento imprescindibile per la società moderna, il centro di raccolta deve assumere un ruolo centrale nella vita quotidiana delle persone: deve essere all’altezza delle richieste ed essere sempre più accessibile".

Il progetto prevede due aree distinte e due entrate separate, oltre alla possibilità di organizzare gli svuotamenti in orari diversi da quelli dell’apertura all’utenza. "A tutto ciò si somma anche la necessità di prevedere la messa a punto di una zona operativa dove mettere a punto eventi di educazione ambientale, rivolti alle studentesse e agli studenti delle scuole che devono essere coinvolte attraverso iniziative finalizzate a far conoscere anche ai più giovani l’importanza di azioni quali il riuso e lo scambio. Ci aspettiamo adesso da Geofor risposte concrete rispetto a tutto questo; è fondamentale per la nostra comunità che è stata una delle prime a raggiungere la soglia del 65% prima e poi del 70% del materiale riciclato, con un impegno concreto dunque da parte dei cittadini vecchianesi", concludono Angori e Canarini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vecchiano: il Comune chiede a Geofor interventi per migliorare il centro di raccolta

PisaToday è in caricamento