rotate-mobile
Cronaca

Svolta in Toscana: da settembre i nidi saranno gratuiti

Approvata la delibera che servirà a sostenere la frequenza al nido di bambine e bambini di famiglie con Isee fino a 35mila euro

Allargare la platea dei bambini e delle bambine che possono beneficiare degli asili nido e degli altri servizi per la prima infanzia per fare un investimento di qualità sul futuro della Toscana. Questo l’obiettivo del progetto Nidi gratis, fortemente voluto dalla Regione Toscana che ci ha lavorato fin dall’avvio della legislatura.

Un progetto unico nel suo genere a livello nazionale, che oggi muove i primi passi concreti e che già dal prossimo anno educativo, a partire dal settembre 2023, sarà pienamente operativo. La giunta ha approvato la delibera con gli elementi essenziali del’avviso che servirà a sostenere la frequenza al nido di bambine e bambini di famiglie con Isee fino a 35mila euro per l’anno 2023-2024. L’intervento sarà finanziato con 40 milioni complessivi (20 milioni per anno) tratti da risorse del Fondo sociale europeo 2021-2027.

Come funziona

Il contributo della Regione integra il bonus nidi erogato dall’Inps per ridurre la quota delle rette a carico delle famiglie. Ma mentre il bonus Inps viene concesso a rimborso, dopo che la retta è stata anticipata dalla famiglia, la Regione ha deciso di integrare direttamente la quota che eccede il rimborso Inps (272,72 euro per Isee fino a 25mila euro e 227,27 per Isee fino a 35mila), praticando così una sorta di 'sconto' fino a concorrere all’intero ammontare di una retta mensile massima di 800 euro. I genitori con Isee fino a 35mila non dovranno quindi sborsare un euro. Ciascuna famiglia potrà beneficiare di uno sconto garantito dalla Regione Toscana fino ad un massimo di 5.800 euro per 11 mesi (settembre 2023-luglio2024).

Chi può accedere

I nuclei familiari con bambini e bambine, residenti in Toscana, con un’età fino a 3 anni e con Isee fino a 35.000 euro. Lo sconto della Regione viene riconosciuto per i nidi ma anche per Spazi gioco e Servizi educativi in contesto familiare.

La procedura prevista

A inizio marzo verrà approvato il bando regionale rivolto a Comuni e Unioni di Comuni mentre ad aprile partirà il bando rivolto alle famiglie. Entro fine aprile Comuni e Unioni di Comuni individueranno i servizi presso i quali sarà possibile beneficiare della misura Nidi gratis e trasmettono l’elenco alla Regione. A maggio sarà approvato dalla Regione l’elenco dei nidi presso i quali sarà possibile beneficiare della misura.

Da fine maggio a fine giugno, le famiglie presentano domanda. Dopo l’istruttoria da parte di Regione e Comuni, entro il 10 agosto verrà approvato il decreto con l’individuazione dei beneficiari e l’assegnazione delle risorse a Comuni e Unioni di Comuni. Da settembre le famiglie beneficeranno degli sconti garantiti dalla Regione e, fra ottobre e novembre, se vi saranno economie, verrà fatto un nuovo bando e riaperta la possibilità di presentazione delle domande. La previsione è di coinvolgere in prima battuta almeno 10.000 famiglie, per arrivare in futuro a coprire tutte quelle con Isee inferiore ai 35mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Svolta in Toscana: da settembre i nidi saranno gratuiti

PisaToday è in caricamento