Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Nei locali pisani...c'è Luisa: tutto pronto per il progetto che aiuta le donne in difficoltà

Un'iniziativa che vuole fornire in maniera discreta un supporto alle donne che si trovano in situazioni spiacevoli e pericolose. 34 al momento i locali aderenti

Si è svolto a Palazzo Gambacorti l’incontro con le attività commerciali che hanno aderito al progetto 'C’è Luisa', pensato per aiutare le donne che si trovano in una situazione di pericolo, difficoltà o disagio dalla quale vogliono uscire con discrezione ed in sicurezza. L’iniziativa, promossa dal consigliere comunale Alessandro Bargagna, è stata realizzata dall’assessore alla Sicurezza Giovanna Bonanno e dall’assessore alle Politiche sociali Gianna Gambaccini, presenti all’incontro insieme al sindaco Michele Conti, al comandante della Polizia Municipale Michele Stefanelli e ai rappresentanti di Confcommercio e Confersercenti che hanno collaborato alla diffusione del progetto. I proprietari di locali pubblici che a Pisa hanno aderito (al momento sono 34) hanno ricevuto il 'Kit c’è Luisa' e una prima formazione sul funzionamento del progetto da parte dei promotori nazionali dell'iniziativa, Nicola Provolo e Giacomo Vianello.

Il progetto è già attivo in Germania, Austria, Svizzera e in Italia nelle province di Verona e Trento. 'C’è Luisa' è un codice condiviso in grado di attivare in modo immediato e discreto una serie di interventi per mettere subito in sicurezza la donna in potenziale o concreto pericolo. La persona che si trova in difficoltà può entrare in un locale con esposto il marchio e chiedere 'C’è Luisa?'. Qui lo staff preparato appositamente, capirà subito che si tratta di una richiesta di aiuto e la persona in difficoltà riceverà supporto immediato per andarsene dalla situazione alla svelta, con discrezione ed in sicurezza, decidendo da sola quale aiuto desidera utilizzare, ad esempio chiamando un taxi, un’amica o le forze dell’ordine.

“Il Progetto 'C’è Luisa' rappresenta sicuramente un concreto ed importante contributo per tutte le donne, ragazze e tutti coloro che si trovano in difficoltà o in situazione di pericolo in luoghi pubblici e hanno bisogno di interventi immediati a tutela della propria persona, preservando però al tempo stesso discrezione e riservatezza - commenta l’assessore alla Sicurezza Giovanna Bonanno - riteniamo importante utilizzare tutti gli strumenti possibili per tutelare e difendere i cittadini, cercando di coinvolgere le attività commerciali e le associazioni di categoria in progetti che permettano di fare rete tutti insieme per migliorare la sicurezza in città”.

“Sono orgogliosa - ha dichiarato l’assessore alle Politiche sociali Gianna Gambaccini - di sostenere come Società della Salute questo progetto tramite l’acquisto dei primi 34 kit che sono stati oggi consegnati ai locali aderenti. La SdS della Zona Pisana è già attiva da anni su progetti che proteggono e forniscono rifugio alle donne vittime di violenza ma adesso con questo strumento sarà possibile fornire un contributo in termini di prevenzione della violenza stessa”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nei locali pisani...c'è Luisa: tutto pronto per il progetto che aiuta le donne in difficoltà

PisaToday è in caricamento