Cronaca Cisanello / Via Giuseppe Moruzzi

Viabilità ciclabile: "Ecco come si vivrebbe meglio dal Cnr a Ghezzano"

Fiab Pisa lancia una serie di proposte per interventi sul breve e medio termine che potrebbero ridurre il traffico e migliorare la mobilità

Foto di archivio

L'area 'di confine' fra Pisa e San Giuliano Terme, composta dall'area al limite del Cnr che procede poi per La Fontina, Praticelli e Ghezzano, è per Fiab Pisa "considerata come marginale, sebbene sotto il profilo della mobilità questo comparto rappresenti un nodo nevralgico del sistema viario". E' vero infatti che si snodano in questa zona varie diramazioni viarie molto trafficate, con uno sviluppo urbanistico negli anni che male oggi si concilia con la mobilità dolce. Cioè a misura d'uomo, con un ridotto uso dell'auto.

"Camminare o pedalare lungo la SP2 Vicarese - rileva l'associazione - nelle attuali condizioni è troppo pericoloso, e perfino l'attraversamento di questa arteria trafficata è un'operazione non banale, a causa della velocità di percorrenza dei veicoli. Gli incidenti sono frequenti, e quando coinvolgono gli utenti 'deboli' hanno quasi sempre conseguenze molto serie. Per aumentare sensibilmente le opportunità di spostarsi a piedi o in bicicletta basterebbero pochi interventi mirati e di costo relativamente basso". Due gli strumenti principali: attraversamenti pedonali, ben segnalati e con isole pedonali utili anche a ridurre la velocità dei mezzi e quindi gli incidenti, e percorsi ciclopedonali, da rendere percorribili da tutti ad ogni ora. 

Le singole proposte: interventi e zone

Attraversamenti pedonali sulla SP2 Vicarese

"Le auto - rileva Fiab - superano spesso il limite dei 50 km/h. Particolarmente critica è la situazione in corrispondenza dell'incrocio della Lidl: qui la soluzione ottimale è una rotatoria dotata di anello ciclabile esterno con attraversamenti ciclopedonali che permetta di dare continuità al percorso lungo la via dei Condotti, connettendolo con l’abitato di Praticelli (una soluzione analoga a quella recentemente realizzata vicino all'Eurospin dell'Isolaverde). Come rimedio provvisorio, in attesa della rotatoria, sarebbe opportuno realizzare, in corrispondenza degli attraversamenti pedonali, delle isole al centro della carreggiata con la duplice funzione di moderare la velocità delle auto in transito sulla SP2 e di proteggere i pedoni, i quali potrebbero così attraversare un flusso di traffico alla volta. E' inoltre necessario realizzare un attraversamento che colleghi la Casa dello Studente al Dipartimento di Chimica: tale attraversamento può essere realizzato sfruttando come isola centrale l’aiuola triangolare a ovest della rotatoria".

isole pedonali fiab-2

Pista ciclabile dei Condotti

Il tratto della pista compreso tra via Pavese e via Carducci ha bisogno di essere rifasato: "La larghezza va portata a 3 metri, in modo da rispettare la normativa di legge (DM 557/99), vanno tolti i paletti, pericoloso intralcio per chi va in bici, e va realizzato un cordolo che protegga il tratto di pista che corre nel parcheggio dell'edicola, in modo che sia chiaro che questo spazio è riservato alle bici. Inoltre, affinché questo tratto di pista sia utilizzabile in qualunque condizione, non può essere sterrato: deve essere asfaltato, o comunque dotato di una coperture scorrevole e non deperibile".

Collegamento Ghezzano-Praticelli

Per collegare il centro di Ghezzano con le palestre e con i servizi in località Praticelli "è necessaria una pista ciclabile ai margini dell'abitato, a sud-est della SP2 Vicarese; il percorso proposto è in gran parte già esistente, vanno solo completati alcuni raccordi. Ovviamente affinchè questo percorso sia utilizzabile in tutte le condizioni deve essere asfaltato ed illuminato".

Collegamento via di Pratale-La Fontina

Per permettere agli abitanti della Fontina di raggiungere Pisa a piedi o in bici senza dover passare per il trafficato snodo della rotatoria Cnr, dice sempre Fiab, "basterebbe far sboccare via Marino in via Carducci, espropriando (se necessario) i terreni corrispondenti alle particelle 130 e 131 sul foglio 87 del Catasto Comune di San Giuliano Terme".

Collegamento via Moruzzi-via di Padule

In collegamento ciclopedonale diretto tra l'area di Praticelli ed il quartiere di Cisanello sarebbe molto vantaggioso sia per chi abita sul lato di Pisa che per chi sta su quello di San Giuliano. Qua già esiste un percorso sterrato: "Andrebbe solo asfaltato ed illuminato in modo da essere utilizzabile in tutte le condizioni".

via moruzzi padule-2

Come e quando?

Fiab spiega che "affinché questi interventi vedano la luce è necessario che i due Comuni interessati, Pisa e San Giuliano Terme, li includano nel PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile) che dovranno redigere a breve. In questo modo i due Comuni potranno sfruttare i bandi regionali per la mobilità sostenibile per cofinanziare la progettazione e l'esecuzione dei lavori. Confidiamo che, in presenza di un indirizzo politico chiaro ed una capacità progettuale adeguata, il complesso di queste azioni possa venir completato passo a passo, procedendo per lotti, nell'arco di un quinquennio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viabilità ciclabile: "Ecco come si vivrebbe meglio dal Cnr a Ghezzano"

PisaToday è in caricamento