Conte firma il decreto: restrizioni confermate fino al 13 aprile

Come già annunciato dal ministro Speranza, fino al giorno di Pasquetta continueranno le attuali misure per limitare i contagi

Conte conferma la chiusura fino al 13 aprile, "poi valuteremo la fase due"

Le misure per arginare la diffusione del Coronavirus sono confermate fino al 13 aprile, il giorno di Pasquetta. La proroga, già anticipata oggi dal ministro della Salute Roberto Speranza, è stata ribadita in serata dal premier Giuseppe Conte nel corso di una conferenza stampa per fare il punto sull'emergenza sanitaria. 

L'Italia dunque resterà in stand-by fino a metà mese. "Ho appena firmato il nuovo dpcm che proroga l'attuale regime delle misure così come sono state disposte sino al 13 aprile. Ci rendiamo conto - ha detto il premier - di chiedere un ulteriore sacrificio, ma se noi smettessimo di rispettare le regole tutti gli sforzi fatti sarebbero vani. Pagheremmo un prezzo altissimo perché oltre al costo economico e sociale che stiamo affrontando saremmo costretti a ripartire di nuovo".

"Non ci possiamo permettere che l'irresponsabilità di alcuni possa comportare un danno nei confronti di tutti" ha aggiunto Conte. "Lo dobbiamo al personale medico che è più direttamente esposto ai focolai di contagio e ai lavoratori che quotidianamente vanno al lavoro mandando avanti il Paese". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conte: "Se i dati dovessero consolidarsi inzieremo a valutare la fase due"

"Questo sforzo ulteriore ci consentirà di iniziare a valutare una prospettiva" ha sottolineato Conte. "Nel momento in cui i dati dovessero consolidarsi, inizieremo già a programmare un allentamento delle misure. Non vi posso dire però il 14 aprile, non siamo nella condizione". E ancora: "Nei prossimi giorni inizieremo a valutare anche la prospettiva di entrare nella fase due: la fase due è quella di convivenza col virus" nella quale verranno adottate delle "misure di allentamento" e ci consentirà di "entrare nella fase tre che è quella dell'uscita dall'emergenza, della ricostruzione, del rilancio della nostra vita sociale ed economica" ha aggiunto il premier.

fonte Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento