Consorzio di bonifica: slitta di un mese la scadenza del tributo

Ci sarà tempo fino al 14 dicembre per pagare l'avviso: la decisione per andare incontro alle esigenze di tante famiglie in difficoltà a causa della pandemia

Dopo le tante richieste e sollecitazioni di questi giorni, il Consorzio di Bonifica 4 Basso Valdarno ha deciso di prorogare di un mese la scadenza del pagamento del tributo di bonifica per i territori di riferimento. "Condividiamo la lettura data da Federconsumatori del difficile contesto economico in cui si trovano migliaia di famiglie - spiegano dal Consorzio - per questo, nonostante le difficoltà tecniche che non rendono affatto facile questa operazione, abbiamo deciso di posticipare il termine di pagamento degli Avvisi bonari anno 2020. È uno sforzo importante, perché il lavoro del Consorzio non si è mai interrotto e le spese sono molte". I pagamenti, in scadenza il prossimo 14 novembre, potranno dunque essere effettuati, senza ulteriore aggravio, entro il 14 dicembre.

È importante tenere presente, come sottolineano dal Consorzio, che le attività di manutenzione dei corsi d’acqua sono tutte finanziate con le risorse derivanti dall’emissione dei ruoli di contribuenza, unica fonte di finanziamento dell’Ente. "In questo scenario - proseguono dall’ente - che peserà sempre più se la situazione continuerà ad aggravarsi richiedendo ulteriori chiusure oltre a quelle già in atto, il Consorzio deve comunque assicurare la continuità delle proprie attività". Attività che non possono essere sospese o rinviate essendo legate alla sicurezza idrogeologica del territorio nel quale il CB4 opera.
"Ci preme inoltre evidenziare ancora una volta che il pagamento del Tributo richiesto è importante in primo luogo perché riferito alla copertura di somme già iscritte a bilancio - aggiungono dal CB4 - ma anche per procedere al pagamento di tutti i lavori, servizi e forniture che il Consorzio ha appaltato nel corso del 2020, retribuendo tutti quegli operatori economici che nonostante la situazione contingente, si sono comunque adoperati per adempiere agli impegni presi".
Ricordiamo che le somme versate sono deducibili in sede di dichiarazione dei redditi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento