rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca

Commercio, suolo pubblico: proroga fino al 30 settembre per bar e ristoranti

Confermata la possibilità di un incremento dell'area da occupare del 60%

La Giunta Comunale di Pisa, in accordo con quanto previsto dal D.L. 21/2022, ha approvato una delibera che proroga fino al 30 settembre 2022 le misure straordinarie di sostegno alle attività economiche cittadine che usufruiscono del suolo pubblico che consentono loro un incremento di superficie fino al 60% delle concessioni già rilasciate nel periodo pre-Covid. Una misura che si aggiunge a quella adottata a maggio scorso dal Consiglio Comunale che prevede per le stesse attività l’esonero dal pagamento del canone di occupazione per tutto il 2022.

"Continua l’attenzione dell’amministrazione comunale nei confronti di tutte le categorie economiche che hanno subito danni a seguito della pandemia - dichiara l’assessore al commercio Paolo Pesciatini - affinchè si possano creare sempre maggiori condizioni e opportunità di lavoro. Le imprese ricettive, della ristorazione, del turismo e dell’accoglienza rappresentano infatti un settore fondamentale per il sistema economico e sociale della nostra città".

Per le attività già in possesso di 'nulla osta', ottenuto tramite procedura semplificata, è automaticamente prorogata l’occupazione alle medesime condizioni; in caso di richieste 'ex novo', entro il limite massimo di incremento del 60% rispetto a quella già autorizzata secondo parametri ante Covid-19, viene consentito presentare comunicazione con allegata la planimetria dell’esterno richiesto, il consenso dei vicini e anche la planimetria della superficie di somministrazione.

Per semplificare l’iter burocratico relativo alla richiesta di concessione di suolo pubblico la delibera approvata dalla Giunta prevede che le comunicazioni di nuove concessioni o di ampliamento delle superfici già concesse vengano inviate mediante Posta certificata a Sepi spa, con allegata la sola planimetria e non in bollo, accompagnate dalla dichiarazione di consenso del titolare delle attività limitrofe nel caso si verifichi sovrapposizione (di spazio o di copertura dell’ingresso o vetrina).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commercio, suolo pubblico: proroga fino al 30 settembre per bar e ristoranti

PisaToday è in caricamento