Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Vecchiano: prorogato il divieto di abbruciamento di residui vegetali

La misura è stata estesa fino al 30 settembre, per il perdurare delle condizioni climatiche che favoriscono la propagazione dei focolai nel bosco

E' stato prorogato fino al prossimo 30 settembre il divieto assoluto di abbruciamento di residui vegetali su tutto il territorio comunale di Vecchiano. Il sindaco Massimiliano angori spiega: "Date le condizioni meteorologiche e climatiche stagionali, caratterizzate da temperature elevate ed assenza di precipitazioni atmosferiche, tutto il territorio del Monte Pisano ha risentito di una notevole riduzione del grado di umidità dei combustibili vegetali, elemento che aumenta potenzialmente la pericolosità di propagazione del fuoco nella vegetazione erbacea, arbustiva ed arborea. Inoltre, le previsioni meteo per i prossimi giorni sembrano continuare a dare indicazioni di bel tempo, caldo e assolato, fattore che tende a non garantire un recupero dello stress idrico subito dalla vegetazione durante il periodo estivo. Tutto questo ci ha indotto ad estendere il divieto suddetto fino alla fine del mese di settembre, poiché non sussistono ancora condizioni di sicurezza per consentire la ripresa delle operazioni di abbruciamento dei residui vegetali provenienti dalle pratiche agricole".

E' consentito, in deroga, l'uso di bracieri e barbecue per la cottura dei cibi nelle aree urbane e nei giardini, oppure in altre pertinenze dei fabbricati di qualsiasi destinazione, entro 20 metri di distanza dai fabbricati stessi, adottando, comunque, le necessarie cautele per evitare l'innesco e la propagazione incontrollata del fuoco.

La mancata osservanza delle norme di prevenzione comporta l'applicazione delle sanzioni previste in materia. I cittadini sono invitati a segnalare tempestivamente eventuali focolai al numero verde della Sala Operativa regionale 800 425 425 o al 115 dei Vigili del Fuoco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vecchiano: prorogato il divieto di abbruciamento di residui vegetali

PisaToday è in caricamento