Pontedera: protesta degli animalisti al Circo Millennium

Annunciata la mobilitazione per il 6 gennaio: "Immorale e non etico assistere a spettacoli dove gli animali sono costretti ad esibirsi"

La protesta del 23 dicembre 2018

Sarà ancora protesta degli animalisti il prossimo 6 gennaio al Circo Millennium, attendato a Pontedera. Già lo scorso 23 dicembre infatti l'iniziativa promossa dalla blogger Carmen Luciano di 'Think Green - Live Vegan - Love Animals' aveva radunato alcuni attivisti fuori dai cancelli della struttura, per "sensibilizzare il pubblico e i cittadini portandoli alla riflessione su quanto sia immorale e non etico assistere a spettacoli dove gli animali sono costretti ad esibirsi". Erano presenti anche Luca Zappolini e Susanna Guidi, due rappresentanti di Pontedera 5 Stelle, e l'associazione Animalisti Italiani sez. Lucca con la portavoce Claudia Corsini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le motivazioni si ripetono anche per la nuova mobilitazione, aperta a tutti gli interessati e lanciata dalle ore 14.30 alle 19 in Piazza del Mercato. Parteciperanno anche Lav Pontedera e Animalisti Italiani Onlus. "Distribuiremo materiale imformativo sulla realtà nascosta dietro la doma e la detenzione delle altre specie - si legge nel lancio dell'evento - spiegheremo ai presenti il perché non sia etico, né civile e né morale, assistere a spettacoli dove gli animali sono protagonisti non consenzienti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: muore studente universitario di 30 anni

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus, sostegno alle famiglie indigenti: buoni spesa da 100 euro

Torna su
PisaToday è in caricamento