Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Pratale / Via San Giovanni Bosco

Carcere Don Bosco: la protesta va avanti con qualche malore

La stanchezza e il digiuno cominciano a farsi sentire per i componenti del presidio che domenica hanno spiegato anche all'arcivescovo i motivi del loro malcontento

E' proseguita anche ieri, nonostante la giornata di festa, la protesta della Polizia Penitenziaria del carcere di Pisa dopo il trasferimento del direttore e del comandante, dovuto secondo i sindacati all'evasione di due detenuti avvenuta qualche settimana fa. A questo si aggiunge la situazione al collasso del Don Bosco con un numero enorme di detenuti e pochi agenti in servizio.

Molti colleghi anche di altri carceri, affermano in un comunicato congiunto le segreterie provinciali di Cgil-Cisl-Uil-Sappe-Osap-Sinappe, hanno manifestato la propria solidarietà a chi partecipa al presidio rinunciando ai pasti della mensa. L'arcivescovo di Pisa, presente ieri all'interno del carcere per la celebrazione della Santa Messa, ha dialogato con gli agenti. E mentre intanto lo stress e la stanchezza hanno costretto tre persone a dover ricorrere alle cure mediche, "solo l'amministrazione continua, imperterrita, con il suo assordante silenzio" scrivono i sindacati che sottolineano la volontà del personale del Don Bosco di portare avanti senza alcun timore la protesta per avere la giusta attenzione da parte dei vertici dell'amministrazione centrale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere Don Bosco: la protesta va avanti con qualche malore

PisaToday è in caricamento