Cronaca Putignano

Cavalcavia Sant'Ermete-La Cella, i residenti: "Niente è stato fatto, bloccheremo ancora"

Dopo l'incontro di giugno in Prefettura i residenti si aspettavano la partenza degli interventi parziali di messa in sicurezza entro il 31 luglio. Così non è stato per il tratto Sant'Ermete-La Cella e quindi il comitato di quartiere annuncia nuove proteste

"Bugie e false promesse, da oltre un anno e mezzo". Sono stanchi i cittadini del Comitato di quartiere di Sant'Ermete, che tornano ancora una volta a far sentire la loro voce nella conferenza stampa di oggi sotto il comune di Pisa. Annunciano nuove mobilitazioni e proteste, con nuovi blocchi del traffico e sempre maggiore disagio per la cittadinanza. "E' l'unico modo che abbiamo per farci ascoltare - affermano - se fossimo stati in una zona turistica visibile sarebbe stato diverso, invece siamo abbandonati: della sicurezza della gente non gliene frega niente".

Destinatarie della critica le istituzioni, in particolare quelle presenti all'ultima riunione di giugno in Prefettura. "La cosa più rilevante a parte la necessità di intervenire - dice Andrea del Comitato - è che le amministrazioni hanno mentito in faccia ai cittadini. Il capo di gabinetto Gazzarri, l'assessore Serfogli, il vice prefetto vicario e poi il prefetto, il capo della Digos Rainone ci hanno messo la faccia con la promessa dei lavori urgenti che dovevano partire entro il 31 luglio. Niente è stato fatto. Non vogliamo più parlare con le istituzioni, siamo presi in giro. Siamo costretti a bloccare per avere attenzione, solo l'opinione pubblica può fare qualcosa".

I recenti lavori strutturali hanno interessato l'altro tratto di via Gronchi, mentre per il cavalcavia Sant'Ermete-La Cella "sono venuti alcuni operai che hanno rigirato un po' la terra, ma niente di concreto" racconta Lucia. "Una mossa - insiste la residente - fatta per evitare che bloccassimo subito. Non c'è più fiducia ormai. Decideremo in assemblea modi e tempi, ma bloccheremo ad oltranza. Se prima chiedevamo più illuminazione, il passaggio ciclopedonale ed il semaforo alternato per i mezzi pesanti, gli interventi più urgenti appunto, adesso vogliamo che sia rifatto da capo, come è necessario che sia vista l'elevata pericolosità della strada".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cavalcavia Sant'Ermete-La Cella, i residenti: "Niente è stato fatto, bloccheremo ancora"

PisaToday è in caricamento