Tombolo, l'Aurelia chiusa danneggia gli imprenditori: "Stop alle tasse"

E' quanto propone il presidente di Confesercenti Antonio Veronese dopo un incontro con alcuni imprenditori dell'area interessata dai lavori

I lavori in corso lungo l'Aurelia

Sono gestori di impianti di carburante e ristoratori coloro che, insieme ai pendolari alle prese con il cambio della viabilità, maggiormente risentono della chiusura della via Aurelia nel tratto del ponte di Tombolo, una chiusura resa necessaria dai lunghi lavori di Anas per la riqualificazione dell'arteria viaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Chiediamo all’amministrazione comunale di venire incontro agli imprenditori che hanno le loro attività nel tratto di Aurelia chiuso per lavori e che fino a dicembre non possono lavorare” esordisce il presidente della Confesercenti area pisana Antonio Veronese che ieri ha ricevuto nella sede di via Ponte a Piglieri proprio questi imprenditori penalizzati.
“Siamo consapevoli del fatto che la chiusura della strada fosse necessaria - insiste Veronese - ma al tempo stesso dobbiamo registrare come fino ad ora tutte le preoccupazioni sono state solo sulle ripercussioni sul traffico e non sulle attività commerciali. Sono arrivate richieste di togliere il pedaggio sull’autostrada per favorire i collegamenti da Livorno, ma nessuno ha pensato agli imprenditori”. Da qui la proposta: “Stiamo parlando di attività commerciali che fino alla fine dell’anno non avranno reddito. Avranno invece tasse da pagare. Chiediamo quindi all’amministrazione comunale di venire incontro, almeno sulle imposte di propria competenza, ai disagi di questi imprenditori”.

Poi un invito a vigilare sul rispetto dei tempi di riapertura: “Il termine dei lavori è fissato per il 22 dicembre, una data molto delicata se non sarà rispettata. Saltare quella scadenza, infatti, vorrebbe dire allungare la chiusura fino ad anno nuovo. Con ulteriori disagi agli imprenditori. Non dimentichiamo poi i collegamenti con Pisa da parte dei croceristi che arrivano a Livorno. Già oggi la tradizionale escursione nella nostra città - spiega Veronese - sta diventando più difficoltosa visti i maggiori tempi di percorrenza incompatibili spesso con quelli dell’escursione. Se la chiusura dell’Aurelia dovesse prolungarsi non è da escludere la cancellazione della stessa escursione. Siamo certi - conclude Antonio Veronese - che almeno l’amministrazione comunale voglia accogliere le nostre tesi e quindi chiediamo un incontro per verificare quali strumenti possono esserci per dare una mano a questi lavoratori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: i negozi che effettuano consegne a domicilio a Pisa e provincia

Torna su
PisaToday è in caricamento