Università, studenti sul piede di guerra: "Sono diventato ricco e non lo sapevo"

E' il motto degli universitari dopo la riforma del calcolo dell'indicatore economico che escluderà dall'accesso alle borse di studio molti studenti. Nel pomeriggio manifestazione davanti agli uffici del DSU

Presidio oggi pomeriggio davanti agli uffici del DSU sul Lungarno Pacinotti presso la residenza Nettuno (ore 14,30). Saranno gli studenti universitari residenti nelle diverse case dello studente ad alzare la voce per mostrare il proprio disappunto contro i nuovi parametri per l'accesso alle borse di studio.

Nel dettaglio gli studenti chiedono l'abolizione del parametro ISPE per l'accesso alle prestazioni del DSU, visto che l'ISPE, sottolineano i ragazzi, è già contenuto nell'ISEE; una presa di posizione pubblica dell'ARDSU e della Regione Toscana; una sanatoria nazionale e la riapertura del bando borse 2015/16, con la modifica e innalzamento dei parametri ministeriali; infine che la Regione Toscana e l'Azienda Regionale per il Diritto allo Studio trovino soluzioni concrete per garantire a tutti i benefici del DSU.

"La riforma del calcolo dell'indicatore economico approvata in gennaio - affermano gli studenti - ha escluso ed escluderà dai servizi centinaia di migliaia di persone. Saranno colpiti da questa riforma innanzitutto gli studenti universitari ma non solo: infatti, anche l'accesso a tutte le prestazioni sociali sarà messo in discussione nonostante il reddito non sia cambiato".
"Il parametro più critico per gli studenti borsisti è quello Ispe che valuta la prima casa sulla base dell'Imu e dunque ne aumenta a dismisura il valore nei calcoli - concludono gli universitari pisani - le proiezioni parlano di circa 30% di esclusi dai servizi del diritto allo studio, a livello nazionale. Aumenteranno però anche le tasse, la mensa, le prestazioni sanitarie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Identificato il cadavere in Arno: è dell'anziana scomparsa da Santa Maria a Monte

  • Cadavere di una donna in Arno: recupero in corso

  • Lanciano un petardo in una paninoteca sui lungarni: titolare colpito con un pugno

  • Guardia di Finanza, nuovo bando da 66 posti: chi può partecipare

  • Danneggiamenti nelle scuole durante l'occupazione, gli studenti: "Condanniamo i vandalismi, siamo dispiaciuti"

  • Perde il controllo dell'auto e finisce in un negozio

Torna su
PisaToday è in caricamento