rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Cronaca

Bandiere a mezz'asta per Berlusconi, l'Ateneo: "Nessuna discrezionalità, disposte con una nota prefettizia"

Dall'Ateneo pisano la replica agli studenti che avevano manifestato dissenso al lutto nazionale per il leader di Forza Italia

Dopo la protesta di alcuni gruppi studenteschi dell'Università di Pisa nel giorno dei funerali di Stato di Silvio Berlusconi, interviene con una breve nota l'Ateneo pisano per spiegare il perchè delle bandiere a mezz'asta sugli edifici pubblici, come appunto quello che ospita il Rettorato.
Striscioni sono apparsi non solo sulla facciata di Palazzo alla Giornata ma anche su quella della Scuola Normale in piazza dei Cavalieri. "Non il nostro lutto" sottolineavano gli studenti, manifestando la propria contrarietà al lutto nazionale e ai funerali di Stato riservati al Cavaliere. Il collettivo Exploit ha anche indirizzato al rettore dell'Università di Pisa Riccardo Zucchi una lettera di protesta puntando il dito contro la decisione di assecondare la decisione della proclamazione del lutto nazionale da parte del Governo.

"L’atto di esporre la bandiera a mezz'asta non è lasciato alla discrezione dei rettori o delle comunità universitarie, né è stato oggetto di deliberazione da parte degli organi di Ateneo, ma è una conseguenza della proclamazione del lutto nazionale - precisano dall'Ateneo - l’esposizione a mezz’asta sugli edifici pubblici è stata espressamente disposta con una nota prefettizia, applicativa di una circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri e attuativa delle disposizioni stabilite da una fonte primaria che le amministrazioni sono tenute ad applicare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bandiere a mezz'asta per Berlusconi, l'Ateneo: "Nessuna discrezionalità, disposte con una nota prefettizia"

PisaToday è in caricamento