Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Cascina

Migranti in protesta alla Tinaia, il sindaco: "Topi e sporcizia, il centro deve chiudere"

Gli immigrati ospiti della struttura si sono barricati all'interno per denunciare le condizioni igienico-sanitarie

Protesta nella giornata di oggi, giovedì 23 agosto, da parte dei migranti ospiti nel centro di accoglienza della Tinaia a Cascina. Gli stranieri, in tutto una quindicina, si sono barricati all'interno impedendo agli operatori di entrare e lamentando "un pessimo stato delle condizioni igienico-sanitarie della struttura".

Si è svolto così un sopralluogo al quale ha partecipato anche il sindaco Susanna Ceccardi. "Sono accorsa lì insieme ai vigili urbani, l'Ufficio Ambiente, i Vigili del Fuoco, i tecnici Dell'Asl e i Carabinieri. Le condizioni all'interno della struttura sono spaventose - afferma il primo cittadino - topi morti nelle trappole della cucina, topi vivi visti scappare tra un mobile e l'altro, bagni rotti, fogne rotte che colano proprio sopra i letti dei migranti, coperte e lenzuola che non vengono cambiate da mesi, disordine e sporcizia ovunque. Per stare così, potevano restare in Africa".
"Denuncio questa situazione da due anni, abbiamo fatto ordinanze igienico-sanitarie denunciando l'inidoneità della struttura - prosegue il sindaco - ora non si può più sopportare oltre: la Tinaia deve chiudere! E chi ha guadagnato milioni di euro alle spalle dello Stato approfittando del sistema di accoglienza, deve pagare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti in protesta alla Tinaia, il sindaco: "Topi e sporcizia, il centro deve chiudere"

PisaToday è in caricamento