Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Riordino province: il sindaco Filippeschi protesta davanti al Senato

Il sindaco Filippeschi sarà a Roma davanti al Senato, indossando la fascia tricolore, per protestare contro la mancata audizione della commissione che esamina il decreto sul riordino Province

Marco filippeschi
Oggi Marco Filippeschi, sindaco di Pisa e presidente del Cal Toscana, sarà a Roma davanti al Senato per protestare contro la mancata audizione della commissione che sta esaminando il decreto legge sul riordino delle Province.  "Protesto - afferma Filippeschi - perché ad oggi mi è stata negata l'audizione nella Prima Commissione Permanente del Senato e mi pare che siano state fatte delle disparità di trattamento che non si giustificano". Il riferimento è ad altri amministratori, come il presidente della Provincia di Lucca, Stefano Baccelli, che invece sono stati invitati.
 
"Inoltre - aggiunge il sindaco pisano - non è corretto negare una risposta formale e motivata a una domanda formale e motivata quale ho fatto. Dunque chiedo di nuovo di essere ascoltato e domani partirò per Roma. Ho anche sollecitato un intervento dei senatori Franco Mugnai e Stefano Ceccanti". Filippeschi critica il comportamento del presidente della commissione permanente Affari Costituzionali del Senato Carlo Vizzini, ricordando di avere chiesto l'audizione il 21 novembre scorso.
 
"Baccelli viene sentito per esporre le sue ragioni - aggiunge Filippeschi - per fare una proposta in contrasto con l'accorpamento delle quattro province dell'area vasta della Toscana costiera, Massa Carrara, Lucca, Pisa e Livorno. Allora non si vede perché non debba essere sentito anche il sindaco di Pisa e presidente del Consiglio delle Autonomie Locali della Toscana, che ha proposto con gli altri sindaci la nuova provincia d'area vasta e vuole sostenere quanto il governo ha già inserito nel decreto".
 
"Anche il presidente della Provincia di Siena Simone Bezzini ha annunciato che sarà ascoltato, dunque non c'è un solo caso. Così, dato che Pisa è testimone per sua parte delle stesse problematiche che da diversi punti di vista e motivi pongono i due presidenti di provincia toscani, non ultima quella dei criteri utilizzati per la scelta dei capoluogo, mi chiedo perché non dovrei essere ascoltato anch'io per dire cosa pensano la mia città e i comuni pisani".
 
Le ultime notizie sull'argomento:
Province, Volterra rincara la sua posizione per l'accorpamento con Siena, dichiarazioni Paolo Moschi
Province e accorpamenti, Volterra sempre più convinta: "Non siamo mai stati pisani"

Potrebbe interessarti: https://www.pisatoday.it/politica/province-volterra-accorpamento-siena-dichiarazioni-paolo-moschi.html
Leggi le altre notizie su: https://www.pisatoday.it/ o seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/PisaToday/163307690398788
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riordino province: il sindaco Filippeschi protesta davanti al Senato

PisaToday è in caricamento