Protezione Civile: le istituzioni insieme per iniziative di sensibilizzazione

Vertice in Prefettura per decidere come coinvolgere le scuole nella diffusione delle buone pratiche. Annunciate due iniziative, una 'a distanza' ed una in presenza

Una sinergia istituzionale per diffondere la cultura, in ambito scolastico, alle buone pratiche della protezione civile. E' la sintesi dell'incontro che si è svolto presso la Prefettura di Pisa giovedì 15 ottobre nel pieno della Settimana Nazionale della Protezione Civile. Presenti alla riunione il prefetto Giuseppe Castaldo e il viceprefetto la Dirigente Alessandra Petronelli, il presidente della Provincia di Pisa Massimiliano Angori, il comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Pisa, Ing. Nicola Ciannelli, la professoressa Valeria Raglianti per l'Ufficio Scolastico Provinciale.

"E' nostra intenzione - ha affermato il Prefetto - approfondire tra le ragazze e i ragazzi che frequentano gli istituti scolastici cittadini e provinciali le tematiche inerenti la Protezione Civile, in tutte le sue declinazioni, ad iniziare anche dai casi pratici relativamente all'emergenza sanitaria che stiamo vivendo e che investe tutta la nostra società. Lo faremo a breve con un'azione congiunta tra le nostre istituzioni". Le parti istituzionali presenti, ciascuna per le proprie competenze, hanno concordato di mettere sul piatto una molteplicità di azioni da proporre all'interno dei vari percorsi scolastici: una da realizzare anche 'a distanza', nel rispetto delle vigenti normative anti-Covid-19, e una da organizzare in presenza, a partire dalla prossima primavera da realizzare anche con il supporto del volontariato locale.

"Il nostro è un territorio provinciale soggetto a una serie di rischi che riguardano da vicino la protezione civile. Oltre all'emergenza Covid-19, anche altre situazioni quali l'incendio del Monte Serra del 2018 e la piena dell'Arno del novembre 2019, tanto per citare due episodi ancora freschi nella memoria, hanno dimostrato che il nostro è comunque un sistema di eccellenza in cui il volontariato svolge un ruolo fondamentale. E' importante in questo contesto diffondere dunque, anche tra le più giovani generazioni, le buone pratiche di protezione civile nei vari ambiti di applicazione per avere cittadini consapevoli e, perché no, future risorse umane altamente specializzate", ha aggiunto il Presidente Angori.

"Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco è da tempo già impegnato nella diffusione delle buone pratiche di protezione civile attraverso l'utilizzo delle più avanzate tecnologie web, e anche attraverso l'utilizzo delle piattaforme social che raggiungono un ampio bacino di utenti. Siamo perciò ben felici di accettare l'invito della Prefettura di Pisa per mettere al servizio delle studentesse e degli studenti la nostra esperienza in questo contesto", ha spiegato il Comandante Ciannelli. "Il Comando dei vigili del fuoco di Pisa si avvarrà della collaborazione dell'associazione nazionale Vigili del fuoco di Pisa che da tempo è impegnata nell'attività di divulgazione della cultura della sicurezza"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine l'idea della professoressa Raglianti per rendere ancora più coinvolgente la formazione relativa a queste tematiche: "Vorremmo sfruttare questa splendida occasione di sinergia tra istituzioni introducendo esperienze formative peer to peer, dove i ragazzi più grandi diventano mentori per i più giovani, facendo cosi acquisire a tutti gli attori punti di vista ancora più efficaci su queste importanti tematiche per la vita sociale. Da anni le nostre scuole lavorano a specifici progetti dedicati alla Protezione Civile, ma l'apporto diretto delle istituzioni addette ai lavori, previsto da questo tavolo di lavoro, ci può guidare nel far sì che i ragazzi e le ragazze possano confrontarsi tra loro su tali contenuti, per apprenderli ancor più efficacemente, e calarli così nel rispettivo vissuto quotidiano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Coronavirus in Toscana: più di 1.800 i nuovi casi, 5 decessi a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, casi positivi in aumento: superata quota 2mila in 24 ore

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento