Firmato in Prefettura il Protocollo per prevenire mafie e corruzione

Vertice con le autorità e la dirigente Aoup, presente in videoconferenza anche il Ministro dell'interno Luciana Lamorgese

E' stato sottoscritto, nel pomeriggio di ieri 20 luglio al Palazzo del Governo, il nuovo Protocollo di legalità per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose e dei fenomeni corruttivi. A firmare sono stati il Prefetto di Pisa, Giuseppe Castaldo, e il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana, dr.ssa Silvia Briani. Erano presenti l’assessore alle Politiche Sociali e alla Sanità della Regione Toscana, Stefania Saccardi (in video collegamento), il presidente della Provincia di Pisa, Massimiliano Angori, il sindaco di Pisa, Michele Conti, il Magnifico Rettore dell’Università di Pisa, Paolo Mancarella, i vertici provinciali delle Forze di Polizia, assieme al Capo Centro della Direzione Investigativa Antimafia di Firenze, Francesco Nannucci, e al Dirigente dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Livorno- Pisa, dr.ssa Michela Tarabella. Ha partecipato in videoconferenza anche il Ministro dell’interno, Luciana Lamorgese.

Il Prefetto Castaldo ha rivolto un sentito ringraziamento a tutte le autorità intervenute e in particolare al Ministro, che ha voluto assicurare la sua presenza significativa e il suo personale intervento. "E' un Protocollo frutto di un percorso condiviso con l’Aoup che ringrazio per la disponibilità e la collaborazione prestate - ha dichiarato il Prefetto Castaldo - e che si inserisce nel solco tracciato dalle più recenti direttive ministeriali, prevedendo un sistema rafforzato di impegni collaborativi tra tutti gli attori coinvolti. Il modello convenzionale consentirà, attraverso un'attenta e accurata valutazione di tutti i possibili indicatori di rischio, di anticipare i fenomeni negativi e i tentativi di inquinamento del tessuto economico".

"Siamo consapevoli - ha detto il Direttore generale dell’Aoup, Silvia Briani - che ci sia grande attenzione trattandosi di uno dei più grandi appalti di edilizia sanitaria degli ultimi anni in Italia e soprattutto perché si tratta di un ospedale, la cui vocazione è tutelare la salute delle persone. A maggior ragione la cura è stata massima nella predisposizione di tutti i passaggi durante la procedura di gara. Con questo protocollo ci impegniamo a far sì che anche nel futuro tutte le fasi successive saranno attentamente monitorate nell’interesse dell’intera collettività".

L'intervento del sindaco di Pisa Michele Conti: "La presenza, attraverso i vari rappresentanti, di tutte le articolazioni dello Stato, conferisce particolare importanza e solennità alla sottoscrizione di questo protocollo. La costruzione del Nuovo Santa Chiara è un passaggio fondamentale per Pisa che si doterà di uno dei più grandi ospedali del centro Italia. I lavori in corso, dell’importo di circa 500 milioni di euro, danno l’idea della portata dell’operazione. Ma non solo: il raggruppamento di imprese aggiudicatario dei lavori dovrà procedere all’acquisto e alla valorizzazione immobiliare del complesso monumentale del Santa Chiara, una zona di pregio assoluto adiacente alle meraviglie della nostra Piazza dei Miracoli, conosciuta in tutto il mondo. Da qui l’importanza della firma di oggi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La sottoscrizione del Protocollo - ha voluto poi ricordare Conti - arriva un giorno dopo l’anniversario della strage di via D’Amelio, in cui il magistrato Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta furono assassinati per mano di Cosa Nostra. Pensando a Paolo, una delle personalità più importanti e prestigiose nella lotta alla mafia in Italia e a livello internazionale, rinnoviamo il nostro impegno come rappresentanti delle istituzioni e da cittadini, citando una delle sue frasi più celebri: 'La lotta alla mafia, il primo problema da risolvere nella nostra terra bellissima e disgraziata, non doveva essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale che coinvolgesse tutti e specialmente le giovani generazioni, le più adatte a sentire subito la bellezza del fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale, dell'indifferenza, della contiguità e quindi della complicità'. Nel suo esempio auguro a tutti buon lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Caccia al cinghiale estesa oltre i confini ordinari

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Covid in classe: cinque nuovi casi nelle scuole di Pisa

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Mareggiata a Marina di Pisa: allagamenti e pietre sul lungomare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento