Cronaca

Turismo e litorale: un protocollo d'intesa indica le risorse per la stagione estiva

Il Comune ha firmato con varie associazioni di categoria un accordo che prevede un investimento dell'amministrazione di 200mila euro per finanziare eventi e destagionalizzazione, con un occhio di riguardo al Litorale

Non sono ancora definitive le cifre, ma il protocollo firmato oggi a Palazzo Gambacorti fra il Comune, Confesercenti Toscana Nord e le federazioni pisane di Confcommercio, Assohotel, Confalberghi e Federalberghi, rappresenta il primo passo per la programmazione turistica delle due prossime stagioni estive. Il progetto 'Valorizzazione Pisa città turistica' sarà valido infatti fino al 31 dicembre 2015 ed avrà l'obbiettivo di fissare tempi certi e modalità coordinate per la progettazione del calendario eventi che animerà città e litorale durante l'estate, nonché promuovere ulteriori progetti volti a destagionalizzare i flussi turistici e prolungare la permanenza dei villeggianti.

I dettagli li spiega la funzionaria dell'Ufficio cultura e turismo Antonella Riacci: “Le risorse, derivanti anche dalla tassa di soggiorno, saranno destinate a tre comparti. Il primo riguarda la promozione e il coordinamento di Marenia – non solo Mare, la programmazione integrata di manifestazioni sul litorale pisano, per un importo di 85mila euro da fissare successivamente con un apposito protocollo. Il secondo comparto di 75mila euro va a sostegno dei firmatari di oggi, sia per eventi nell'ambito di Marenia che per progetti di destagionalizzazione. La cifra per i singoli soggetti sarà uguale per tutti e fissata in apposite convenzioni, ed è previsto che gli stessi enti promotori aggiungano alla cifra ricevuta un surplus proprio per un importo minimo pari al 40% delle risorse ricevute. L'ultimo comparto è per il resto dei soggetti non firmatari, tramite bando. L'importo sarà di 40mila euro”.

Il meccanismo unisce quindi finanziamenti pubblici e privati, con il bando generale che viene ridotto rispetto lo scorso anno. Secondo il vicesindaco Paolo Ghezzi con questi accordi “si supera il metodo di rapporto classico fra Amministrazione e aziende, misurando così anche le loro capacità. Ci aspettiamo progettualità e sinergia, un lavoro congiunto che porti risultati: siamo tutti sotto esame”. Ghezzi poi mette l'accento sulla tempistica: “Sapere che a fine febbraio avremo già i progetti da finanziare aiuterà molto l'organizzazione degli eventi”. Nota dolente è il minore introito previsto dalla tassa di soggiorno rispetto a quanto preventivato: le attuali proiezioni, ancora da verificare, indicano che per il 2013 è stato versato circa 1 milione di euro invece degli oltre 2 milioni previsti. Ciò potrebbe incidere sugli stanziamenti, comunque sempre legati alle disponibilità del bilancio.

Generale soddisfazione da parte degli enti firmatari. Massimo Grulliero di Assohotel: “Progetto valido sopratutto per il litorale”; Federica Grassini, presidente Confcommercio Pisa: “Gestiremo i proventi di una tassa di cui ci siamo detti contrari. Lavoreremo nell'interesse di tutti”; Francesco Voltini di Confalberghi: “E' la direzione sperata. Una goccia nel mare, siamo molto indietro come promozione, ma continuiamo e lavorare e vedremo”; Andrea Romanelli di Federalberghi: “Viviamo la 3ª bassa stagione peggiore di tutti i tempi, lavorare a progetti condivisi può portare ad ottimi risultati”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo e litorale: un protocollo d'intesa indica le risorse per la stagione estiva

PisaToday è in caricamento