Cantieri Baglietto: gli operai in agitazione ricevuti in Provincia

Grande preoccupazione per i lavoratori della Cantieri di Pisa dopo lo stop nella trattativa per il passaggio di proprietà dei Cantieri Baglietto. Presto una seduta congiunta dei consigli provinciale e comunale

Proseguono le agitazioni degli operai in seguito allo stop della trattativa per la cessione dei Cantieri Baglietto al gruppo Overmarine. Gli assessori all’occupazione e allo sviluppo economico della Provincia di Pisa, Anna Romei e Graziano Turini, hanno incontrato questa mattina, nella sede centrale dell’amministrazione, una folta delegazione di dipendenti e di componenti della Rsu della Cantieri di Pisa, il cui personale si trova in regime di cassa integrazione straordinaria, insieme al segretario generale di Cgil Pisa Gianfranco Francese.

 
A fronte del clima d’incertezza determinatosi per l'interruzione della contrattazione, i colloqui con gli assessori provinciali, che hanno fatto seguito a quelli avuti ieri con il Comune di Pisa, hanno ruotato attorno alla richiesta, espressa dai lavoratori, della conferma di una forte attenzione alla vicenda da parte degli enti locali e dell’assunzione di una loro iniziativa di supporto istituzionale tesa a verificare le condizioni per una ripresa dei negoziati e a fare chiarezza sul percorso che s’intende seguire.
 
In questa situazione il tempo è elemento d’urgenza visto che la cassa integrazione straordinaria per i lavoratori scadrà a luglio e le commesse attualmente in essere potrebbero anche essere ritirate se non si individuerà una soluzione tale da dare garanzie di esecuzione dei lavori.

Così a breve verrà convocata una seduta congiunta dei consigli provinciale e comunale, da tenersi direttamente negli stabilimenti della Cantieri di Pisa. Inoltre la Provincia ha annunciato un proprio intervento per ottenere l’interessamento sia della Regione Toscana, sia delle altre Province (La Spezia e Savona) nei cui territori si trovano sedi del gruppo Balducci.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

  • Comune di Pisa: nuovi bandi per assumere un falegname, un elettricista e un agronomo

  • "Pronto Polizia, non abbiamo più niente da mangiare", e gli agenti donano due pizze

Torna su
PisaToday è in caricamento