rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Cronaca

Pubblica Assistenza del Litorale Pisano, Confcommercio: "Evitiamo la chiusura di un presidio fondamentale"

L'associazione fa appello alle istituzioni per tutelare il presidio dei volontari

"La Palp rappresenta un presidio di socialità fondamentale per il territorio, non riusciamo davvero a immaginare un litorale senza i servizi che questa associazione garantisce quotidianamente all'intera comunità e il proseguimento della sua attività deve essere tutelato con ogni mezzo a disposizione". E' un appello accorato quello lanciato dal direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli per scongiurare la chiusura della Pubblica assistenza del Litorale Pisano.

"In questo momento - prosegue l'associazione - è necessario che tutte le istituzioni, Regione Toscana, Provincia di Pisa e Comune di Pisa, facciano la propria parte per garantire alla Palp di superare questo momento delicato e garantire all'associazione un futuro stabile e decoroso. In gioco non ci sono soltanto i posti di lavoro di dipendenti e volontari che hanno dedicato anni di impegno e disponibilità, ma la sopravvivenza di una struttura che offre un servizio indispensabile per la sicurezza dei cittadini di Marina di Pisa, Tirrenia, Calambrone e di tutti coloro che frequentano il litorale, specialmente nel periodo estivo con l'arrivo di centinaia di turisti e visitatori".

"Parliamo di un'istituzione ultracentenaria che garantisce un servizio importantissimo", ribadisce la presidente del direttivo Confcommercio Marina di Pisa Barbara Benvenuti: "La Palp è una realtà radicata sul territorio e capace di offrire assistenza e pronto intervento grazie a una struttura efficiente e capillare, da sempre sinonimo di garanzia e affidabilità. La sua chiusura priverebbe Marina di Pisa e l'intero Litorale di un presidio stategico, soprattutto per l'assistenza ai soggetti più fragili".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pubblica Assistenza del Litorale Pisano, Confcommercio: "Evitiamo la chiusura di un presidio fondamentale"

PisaToday è in caricamento